sabato 29 aprile 2017

Forse lo sei e non lo sai

Foto(di)vagando
Trovo questo articolo (trovato/letto su Guard for Angels), davvero molto bello. Parole in cui mi identifico, a cui davvero non si sente il bisogno di aggiungere alcunchè, un modo semplice e simpatico di porre la questione. 
Io credo che se tutti ci rimettessimo alla “semplicità” enunciata in questo articolo il mondo sarebbe decisamente migliore. 
Gli esseri umani potrebbero, io credo, essere così. Se solo trovassero in sé stessi quel che di divino risiede in loro... Anzichè delegare ad altri l'organizzazione delle loro vite, delle loro speranze, della loro spiritualità. 

Sì! Un anarchico crede nell'essere umano ed io, senza alcun dubbio e con grande soddisfazione … lo sono! 

Buona lettura!

Rosa Bruno


*******

Questo testo è stato tratto e liberamente adattato da uno scritto di David Graeber, antropologo e anarchico statunitense.


Sicuramente hai già sentito la parola anarchia, ma probabilmente quello che sai dell’anarchia è frutto di pregiudizio e superficialità.
Alla parola “anarchia” quelle più associate di solito sono violenza, caos, distruzione. Agli anarchici si pensa come a persone senza regole, disadattati, inaffidabili, egoisti, persone che vorrebbero vivere secondo la legge del più forte.
E se ti dicessi che questo è solo uno stereotipo creato e propagandato da chi trae vantaggio dal mostrare l’anarchia e gli anarchici in questo modo distorto?
In realtà l’anarchico è solo una persona che, fra altri, si basa su due principali assunti:
  1. l potere è malvagio, pericoloso, qualcosa che corrompe.
  2. L’essere umano, nel giusto contesto, è ragionevole, empatico, sociale e soprattutto in grado di rapportarsi agli altri ed organizzarsi senza che nessuno gli imponga come farlo, quindi non ha alcun bisogno di delegare decisioni ad altri né quindi delegare il potere e la responsabilità delle scelte, comprendendo che l’unica strada per la pace e l’armonia è quella legata all’aggregazione volontaria degli individui che si assumono la responsabilità delle proprie azioni.
Messa così suona già molto diversamente, vero?
Ma si può dire di più: probabilmente la maggior parte di voi è già anarchica e non lo sa. La maggior parte di voi già crede nell’anarchia, sa che non è un’utopia e la pratica ogni giorno… solo che non se ne rende conto.

Facciamo questo test insieme

venerdì 28 aprile 2017

oh uomo!!! ...

«Vale la pena di aver tanta paura della morte, se ciò in cui viviamo resta? Uomo! Racchiudi la tua esistenza dentro di te, e non sarai più miserabile. Resta al posto che la natura ti assegna nella catena degli esseri. Nulla potrà fartene uscire. Contro la dura legge della necessità non recalcitrare, a volerle resistere; non consumare quelle forze che il cielo ti ha dato non per estendere o prolungare la tua esistenza, ma solo per conservarla come vuole lui e fino a quando vuole lui. 
La tua libertà e il tuo potere arrivano solo fin dove arrivano le tue forze naturali e non oltre. Tutto il resto non è altro che schiavitù, inganno, illusione».

da: L'Emilio di Jean-Jacques Rousseau  e da qui

Foto(di)vagando

venerdì 14 aprile 2017

PoesiAmo...

ED ANCORA




Ed ancora cercando l’oscuro compete
una gara di sangue giocando
pavoni a vantarsi d’avere inventato la guerra
Del Dio degli eserciti, noi, cantiamo le lodi
di quei suoi giocattoli orrendi
leviamo il peana
Vibrando d’assurda bassezza
cercando materia di fango e dolore
Buffoni, arlecchini vestiti da Boia
Dove tutto è perfetto
noi siamo la faccia più scura.
Dimenticando noi stessi
siam sordi e siam ciechi
di quel che noi siamo
spegnendo, impazziti, la nostra scintilla
vantandoci delle nostre bombe.
Il perdono non è necessario
il conto verrà, comunque, pagato
con milioni di vite, presenti
future e passate
dove il tempo non ha nessun senso
nella parte più cupa dell’Uno

domenica 9 aprile 2017

Ma perchè non scegliamo l'Amore? Eppure potremmo. Dovremmo!

Foto(di)vagando
Mi guardo intorno e vedo guerra, dolore, divisione. Certo, tutto è perfetto, però è così difficile vederlo/percepirlo/viverlo a questo livello di vibrazione, così basso, così cupo, così lento.

Fatemi scegliere, anche sapendo che non si può, d'essere con i bambini che stanno morendo sotto quelle bombe in Siria, inutili, crudeli; soffocati dai gas di una follia inventata e pretestuosa che serve soltanto a giustificarsi agli occhi del mondo.

Metafora di un mondo terribile. Di un potere senza morale, senza etica, senza dignità.

I seguaci dell'oscurità, della competizione, della forza che domina coloro che pensano d'essere la "crema" … i padroni, mostrano i loro muscoli stupidi facendosi vanto dì un modello di esistenza che è solo immagine d'una sconfinata stupidità … di una totale sordità al canto del Cosmo e dell'Uno. 

Com'è difficile accettare le leggi del Karma di fronte alla cattiveria, alla stoltezza alla crudeltà. Eppure potremmo scegliere, possiamo sempre farlo ed è così triste che si percorra, invece, sempre la strada più nota … che è anche la più scura.

La guerra è stupida e non esiste ragione, non c'è giustificazione! È manifestazione umana, certamente, ma bassa, crudele, inutile! Ed anche chi è cosciente, pur sapendo che è parte integrante di un cammino, beh, sente dentro di sé, il rifiuto, la rabbia ed il dolore. 

Lasciatemelo dire, fra gli aguzzini e le vittime io scelgo le seconde, anche se scegliere è sempre una sciocchezza.

Rosa Bruno

sabato 1 aprile 2017

"Evoluzioni climatiche"

Il cielo oggi: 1 aprile, ore 8:00 ... per dire!

Ringrazio GoogleFoto per la creazione della panoramica da mie foto.