domenica 1 settembre 2013

LIVELLI DI COSCIENZA

photo by Rosa Bruno

Vi è l'errata convinzione, forse stimolata dallo stesso mainstream che è costretto dalla sua incidenza a rilevare il fenomeno, a sostenere che il veganismo ormai dilagante e sempre più affermato sia una sorta di “moda”.
E può essere che parte di questa sua momentanea fortuna derivi anche da questo.
Addirittura altri, dietrologi-professionisti, vanno ricercandovi strane congiure, di manipolatori di menti e di notizie, ma certamente quello che sta avvenendo non può e non deve essere liquidato in questo modo sommario.
Sono vegana, per convinzione, scelta etica e spirituale, quindi non posso che salutare con grande piacere e gioia il fatto che tale comportamento si stia affermando al punto da costringere il mainstream stesso ed i miei “amati complottisti” ad occuparsi del fenomeno. Persino la politica e la burocrazia finiscono con il doverne prendere atto, così come il mondo del business.
É però importante comprendere che dietro a questa opzione non vi è, soprattutto perchè non può esservi, solamente una scelta strumentale e salutistica.
Dietro al veganismo, che è modalità e comportamento altamente consapevole, vi sono la volontà, la comprensione e l'empatia.

Vi è un risvolto innegabile e profondo di “Amore Incondizionato” ed una “Visione” come dietro a pochissime altre in questa “fase storica” dell'umanità.
Non è una scelta che possa essere compiuta alla leggera perchè modifica profondamente la vita e le abitudini di chi la compie, è consapevole perchè non può essere operata senza una “superiore” comprensione del tutto che ci circonda.
Semplicemente “non può” essere operata in assenza di tutto questo e quand'anche lo fosse essa sviluppa, per sua caratteristica e natura, questa “profondità” nel tempo.
Non esito a definirla una premessa spirituale e filosofica ad una visione “altra” del mondo.
Non esito a definirlo uno di quei comportamenti “fondamentali” che muove l'intero corpo di una società verso un superiore livello di maturità spirituale!
Una premessa ed un esempio. Una scelta personale che influenza la visione del mondo e della società stessa.
Se mai vi fu un comportamento che si muovesse “nel senso del cambiamento e della maturazione” complessiva di quella che potremmo chiamare, forse un poco pomposamente, umanità, questo è uno di quelli … ed io sono molto felice d'essere sulla cresta di quest'onda e di sentirne la benefica spinta verso un mondo più civile, compatibile e spiritualmente maturo.

Rosa Bruno

8 commenti:

  1. ti seguo a ruota, anzi, dacci tutti gli ingredienti di quell'insalatona....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah ciao yogi! ... ci ho messo tutto quello che vedi ... ma con le insalate, soprattutto d'estate, ci si può sbizzarrire :)
      In ogni caso in questa c'è: lattughino e rucola, pomodorini, peperoni, olive taggiasche, cipolla, noci, tofu affumicato e una spolverata di semi di sesamo e semi di lino ... il tutto condito con un buon olio evo e aceto di mele ... e buon appetito :)) ....
      Un abbraccio ... Namastè

      Elimina
    2. Io che non digerisco l'aceto ci metto o qualche goccia di limone o di tamari (che preferisco).
      Insalata meravigliosa fatta da una donna meravigliosa...

      Elimina
    3. Ottimo sia il limone che il tamari!
      Grazie Annamaria, un abbraccio :)
      Namastè

      Elimina
  2. Io sono quasi vegana, detto tra noi, ma di quello che pensano gli altri, me ne frego molto. Se qualcuno è convinto che sia una questione di moda e gli piace credere così, stia pure allegro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Sara, i motivi che conducono ad una scelta di questo tipo sono ben altri ed è importante capire che il fatto che molti si interessino ed operino una scelta similare ha un significato non accidentale. Sempre più persone si avvicinano a questa opzione e forse questa incidenza aiuterà questo nostro mondo a cambiare in meglio.
      Namastè

      Elimina
  3. Io me lo auguro davvero che questo mondo possa finalmente fare un passo avanti.
    Ma purtroppo la realtà è che c'è ancora molto da fare, siamo solo all'inizio. La mentalità della gente è ancora troppo chiusa e legata a tradizioni e schemi per sperare in un vero cambiamento... forse in un futuro chi lo sa!
    Io sono prevalentemente vegetariano, aspirante vegano per vari motivi legati anche e soprattutto alla sostenibilità delle attività umane, al loro impatto ambientale e alla dignità degli animali.
    Il mio obbiettivo è passare al veganismo, ma voglio che il mio sia un percorso graduale e ragionato. Insomma sono la dimostrazione che diventare vegani o vegetariani sia anche una questione razionale, non solo emotiva o perché "va di moda".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti il tuo percorso dimostra che questo comportamento è profondamente "cosciente" ed è legato ad una maturazione complessiva, la compulsione per il sangue non si supera con la sola volontà occorrono dei motivi... ed è sempre conseguente ad una scelta.
      Questo dimostra anche che la qualità delle domande che la gente si pone sta via, via incamminandosi verso le "giuste" domande.
      Certo, la strada è ancora lunga, ma l'aumento dei vegetariani e dei vegani in particolare mi fa sperare, molto di più di mille manifestazioni...
      Buona serata Xandrex91
      Namastè

      Elimina

La moderazione dei commenti è stata attivata. Tutti i commenti devono essere approvati dall'autore del blog.
Non verranno presi in considerazione gli interventi non attinenti agli argomenti trattati nel post o di auto-promozione.

Grazie.