lunedì 6 dicembre 2010

Storia Zen - Una trasmissione speciale

Fu chiesto una volta a Bodhidharma di dare una definizione dello Zen.
 
Ed egli, contravvenendo allo spirito stesso del suo insegnamento, rispose così: "È una trasmissione speciale al di fuori delle scritture, è indipendente da parole e da lettere, punta direttamente allo spirito dell'uomo, è un contemplare la propria natura". 
  
*****
 

Commento: Nello Zen non esistono né testi "sacri" né tantomeno "rivelazioni divine". La comunicazione avviene soltanto da spirito a spirito, senza mediazioni di parole e di discorsi. Anche il maestro esterno non è che espressione di quello interiore. L'unica vera guida è in effetti il proprio sé. L'essenza delle cose può e deve essere colta nella "propria natura", la quale è a sua volta parte della natura originaria generale. Questa condizione esiste (prima) del nostro linguaggio, ed è ad essa che dobbiamo volgerci quando la nostra mente ci fa perdere il contatto con la realtà.

Rosa Bruno

Nessun commento:

Posta un commento

La moderazione dei commenti è stata attivata. Tutti i commenti devono essere approvati dall'autore del blog.
Non verranno presi in considerazione gli interventi non attinenti agli argomenti trattati nel post o di auto-promozione.

Grazie.