sabato 20 agosto 2011

ALTERNATIVE DI VITA: UN FRIGORIFERO SENZA ELETTRICITA'

tratto da: Salute Olistica

"Un genio moderno, attento al bisogno fondmentale di preservare il cibo ha risolto il problema per molti. Si tratta di Mohammed Bah Abba, un insegnante nigeriano, che ha inventato un "dispositivo" : un frigorifero che non ha bisogno di elettricità!

Proveniente da un famiglia di vasai , Mohammed ingegnosamente ha fatto semplice uso  delle leggi della termodinamica, per creare un frigorfero vaso-in-vaso che in arabo viene chiamato Zeer.

Ecco come funziona: 


Prendete due vasi di terracotta, della stessa forma ma di misura diversa, e mettetene uno dentro l'altro. Quindi riempite con della sabbia lo spazio tra i due vasi, prima di versare acqua nella stessa cavità per inumidire la sabbia. Quindi mettete il cibo nel vaso interno e copritelo con un coperchio o uno straccio umido. Dovete solo fare in modo che il "frigorifero vaso-in-vaso" sia tenuto in uno spazio asciutto ma ben ventilato; le leggi della termodinamica poi faranno il resto.

Quando l'umidità  nella sabbia evapora, porta via calore dal vaso interno, raffreddandone il contenuto. L'unica manutenzione richiesta, è l'aggiunta di altra acqua  intorno, per due volte al giorno


Ecco qualche idea sulla prestazione del "frigorifero" : gli spinaci che normalmente avvizzirebbero in poche ore  nella calura africana, nel vaso durano circa 12 giorni: prodotti come i pomodori e i peperoni che in genere faticano a sopravvivere alcuni giorni, qui durano 3 settimane. Le melanzane aumentano la loro vita: da alcuni giorni a circa 1 mese.

Quando inventò il frigorifero nel 1995, Mohammed ne distribuì a migliaia tra le comunità della Nigeria nei tardi anni 90 (inizialmente gratuitamente per farli conoscere, successivamente solo a costo di produzione); successivamente vinse il Rolex Award for Enterprise (premio Rolex per le imprese) nel 2000. Questo ha migliorato la vita e la salute di migliaia. Meno lavoro si può tradurre con più insegnamento ai bambini e molti piccoli contadini che che prima perdevano grandi parti del loro raccolto(losing large proportions of their harvest) ora possono guadagnare meglio.

Un altra conquista in benefici è il miglioramento della salute grazie alla migliore conservazione delle vitamine, ma anche una riduzione di problemi di salute come la dissenteria, poichè il cibo ora può essere separato dalle mosche.

Sembra cosi che non tutte le risposte ai bisogni della vita possano arrivare da una presa di corrente ed un manuale di istruzioni..."


trad. Cristina Bassi, www.cafedehumanite.blogspot.com

8 commenti:

  1. Come diceva una mia collega, "La chimica" (la fisica, qui) "rende liberi". Era un'insegnante di chimica, e aveva ragione.

    RispondiElimina
  2. @LAV
    Sì infatti, basta avere la mente libera dalle premesse "pseudo scientifiche" della nostra "civiltà tecnologica" che ormai dipende in modo compulsivo e totale dall'energia elettrica, presto il problema si porrà ed allora "sapere" sarà molto importante...e farà la differenza.

    Abbraccio^^
    Namastè

    RispondiElimina
  3. grande questo Mohammed

    RispondiElimina
  4. Ciao Frank, sì sono d'accordo ^__^

    Un abbraccio amico mio^^
    Namastè

    RispondiElimina
  5. E' proprio vero che con poca spesa applicata a tante innovazioni come questa nel mondo si risolverebbero tante situazioni!

    RispondiElimina
  6. Sì è vero Adriano, se soltanto l'umanità (soprattutto occidentale) avesse l'umiltà e la forza di recedere dal modello che individua ogni possibile risposta nella tecnologia...

    Serena domenica...^_-
    Namastè

    RispondiElimina
  7. Meraviglie dell'ingegno.
    Certe volte troppa luce copre soltanto le stelle.

    RispondiElimina
  8. @LaScalza
    eheh...considerazione asciutta e quantomai significativa!

    Abbraccio ^_-
    Namastè

    RispondiElimina

La moderazione dei commenti è stata attivata. Tutti i commenti devono essere approvati dall'autore del blog.
Non verranno presi in considerazione gli interventi non attinenti agli argomenti trattati nel post o di auto-promozione.

Grazie.