venerdì 10 agosto 2012

Ostrega

fonte: Freeanimals
 
Le persone di fede dovrebbero essere contente perché “apocalisse” significa “rivelazione” e se nuova luce sul nostro passato viene fatta grazie a liberi pensatori come Mauro Biglino, che per nostra fortuna non vengono più messi al rogo, può voler dire che stiamo vivendo gli ultimi tempi prefigurati da Giovanni nell’isola di Patmos, nonché da altri profeti più antichi di lui. Tutto acquista un senso, anche la stregoneria.
Non solo veniamo a sapere come probabilmente sono andate le cose riguardo alla creazione dell’uomo, ma anche si ristabilisce un po’ di verità nei confronti di personaggi demonizzati come Satana e Lucifero e si rende un po’ di giustizia al milione di zitelle, levatrici ed erboriste assassinate dall’Inquisizione cattolica nel Seicento, chiamato, proprio per questo, il secolo delle streghe.


Ho avuto il piacere di conoscere Morena Menzani, bolognese, classe 1968, anni fa, durante alcune manifestazioni animaliste e l’ho ritrovata 
recentemente su Facebook in una per me nuova veste, quella di strega moderna. Ecco la sua testimonianza.


Domanda d’obbligo. Come hai scoperto di essere una strega?
Voglio precisare che io sono strega da sempre. Mia nonna paterna, che abitava un piccolo paese emiliano, Tolè, era una strega. Mi iniziò all'arte dei tarocchi e m’insegnò semplici rituali di magia simpatica, cioè quella magia che usa erbe, colori, odori, giorni e ore che hanno risonanza fra loro e vibrano sulla stessa onda.
Era una donna fantastica che aveva un rapporto col Divino alla pari.
Quando chiedeva un favore ad un santo, lei spesso si rivolgeva a Sant’Antonio, prendeva la statuetta che lo rappresentava e la seppelliva a testa in giù, intimandogli di darle ciò che chiedeva e fino a che il Santo non esaudiva i suoi desideri non veniva riportato alla luce.
La nonna Andrica - così la chiamavano - e con lei i vecchi che, quand’ero bambina, abitavano il paese, era l'ultimo confine tra il paganesimo e il cattolicesimo.

Una donna forte, che ebbe la prima figlia da uno sconosciuto, di cui non rivelò mai il nome, alla quale diede il proprio cognome. Ti parlo di una donna che morì a 98 anni, quando io ne avevo 15.

Lei ruppe le regole e sconvolse il paese quando maledì il parroco, che voleva impedirle di riconoscere la figlia  “avuta dal peccato”.
In questo, per me, lei era una strega. Era una donna libera.
Quando capì che io ero una fanciulla sensibile (le confidai che sentivo le voci degli alberi e degli animali), mi tranquillizzò dicendomi che tutti parlano se sappiamo ascoltarli e che il cuore, proprio come il volto, ha una bocca, due occhi ed un naso, e che quindi si può parlare, vedere e ascoltare col cuore.
Ecco cosa significa essere strega, per me.

Ultimamente in Gran Bretagna la Wicca sta tornando di moda. La stessa cosa non si può dire dell’Italia. Nel tuo caso, il tuo considerarti una strega è un semplice vezzo o segui anche pratiche e rituali precisi?

Non so se la Wicca stia tornado di moda e non so dove, se più in Italia che in Gran Bretagna. Quello che so per certo è che la stregoneria, il paganesimo, non c’entrano nulla con la Wicca, che è una filosofia/religione relativamente giovane. Io sono una strega perchè sono una donna libera, ho l'anima di una lupa, non sono domabile, c'è chi è riuscito ad addomesticarmi, ma solo col mio consenso. Sono una strega perchè, sento le voci degli animali e del tutto che mi circonda e perchè al tutto, grazie a semplici, pacifici rituali mi collego. Possiamo crederci o no, ma gli Spiriti della natura esistono, basta saperli ascoltare. Sono una strega perché lotterò affinché il Femminino Sacro torni ad unirsi al Divino, che i padri castrarono tanto tempo fa cancellando la vagina dalla creazione, attribuendo ad un dio maschio, collerico e misogino tutto il mistero della vita.


Il tuo abbigliamento prevalentemente nero e soprattutto le tue idee ti hanno creato qualche difficoltà in famiglia e nell'ambiente di lavoro?

Il mio abbigliamento, prevalentemente scuro, non ha nulla a che fare con il mio rapporto con il divino. Io vesto di nero perchè lo trovo un colore meraviglioso, perchè slancia, ma non c’entra assolutamente col mio essere strega. Ho amiche streghe che amano vestirsi con colori chiari ed in modo molto “normale”, tipo jeans e maglietta, ma non sono meno streghe di me. Per quanto riguarda le mie idee antimonoteiste ed anticlericali, beh, sì, mi hanno creato difficoltà, non meno delle mie idee animaliste. Voglio dire che in società, così come nelle famiglie, il “diverso” fa sempre fatica ad “esistere” e resistere.

Entriamo nel merito. Si sta facendo strada fra le persone colte che Satana e Lucifero sono stati diffamati dai padri della Chiesa. Nel primo caso si tratta di un titolo e non di un’entità specifica, mentre nel secondo addirittura del pianeta Venere. Cosa sai delle mistificazioni compiute su questi due concetti?

Guarda, fin da bambina ho avuto la netta sensazione che il prete, a catechismo, non la raccontava giusta. Tanto che, se pur piccola, lo contestavo spesso. Quando parlava dell'agnello come simbolo sacrificale, poi, non riuscivo a reggerlo e ci litigavo...ed ero una bambina.

Una bambina ma con un’anima antica!

Credo profondamente che Satana, che in aramaico significa “avversario”, sia lo sconfitto su cui i vincitori hanno gettato tutte le colpe. Lucifero è L'ANGELO CHE PORTA LA LUCE, Venere, appunto, detta anche Lucifera, quindi il femminino sacro, da piegare, negativizzare, colpevolizzare, per dare spazio ad un dio fallocratico, maschilista, specista e nazista, il dio dei padri (maschi), appunto.
Se mi chiedi la differenza di ruoli tra i due, non la so. Non credo in Satana o in Lucifero nel modo cattolico, per me sono dei e basta.
Lucifero, per me è Lucifera, il femminino Sacro, come ti ho spiegato prima e Satana è semplicemente il Dio cornuto, Pan, simbolo di sessualità e animalità, nei sensi più alti del termine. Dovremmo fare pace con questa figura antropomorfa, confine tra l'umano e l'animale, per fare pace con l'animalità che è in noi e quindi con tutti gli altri animali. Avremmo, a mio avviso, un migliore rapporto anche con la sessualità, che è un dono splendido della Divina Madre e del Dio cornuto.
Per esempio, Pazuzu, demone “protagonista” del libro, divenuto film celeberrimo, “L'esorcista”, non è altro che un Dio pre-monoteista. E’ il Dio che veniva invocato per proteggersi dalle malattie.
Con l'avvento delle religioni monoteiste questi splendidi Dei antropomorfi vennero demonizzati, appunto, e a loro fu attribuito ogni male.
Screditare il nemico è il gioco dei vincitori, si sa.
Poi questi Dei hanno la “sfortuna” di non essere rappresentati come bei maschi biondi con gli occhi azzurri. Sono brutti, secondo i canoni estetici comuni, e chi è brutto per forza deve essere anche cattivo! Hai mai letto o visto un film - parlo di prodotti commerciali che devono piacere alla massa - dove i protagonisti principali sono sgradevoli alla vista? Le religioni vincenti hanno fatto scuola...

Efialte, il traditore di Leonida, nel film “300”, viene raffigurato come un gobbo perfido e deforme.
Evidentemente,  alla Chiesa serviva istituire un personaggio malvagio da contrapporre a Dio, così da minacciare il popolo con uno spauracchio temibile. Sei d’accordo con questa tesi?

Sì, penso che la Chiesa abbia “individuato” il cattivo per fare paura con lo spauracchio dell'inferno ma anche per inventare il concetto di peccato, di ciò che è male e bene, secondo i loro criteri.
Essere liberi sessualmente era ed è tuttora peccato, sopratutto per noi donne. Distruggere Madre Terra, ammazzare gli animali è ammesso, anzi il loro dio è a immagine e somiglianza di un uomo, maschio, bianco, stravecchio (il nostro parlamento è pieno di uomini che hanno queste caratteristiche, io mi chiederei il perchè). A noi donne hanno da poco tempo riconosciuto un'anima e all'interno delle gerarchie ecclesiastiche non abbiamo alcun ruolo (nel paganesimo, da sempre, esistono le Sacerdotesse, che sono alla pari dei Sacerdoti).
Voglio dire, loro hanno detto ciò che è bene e ciò che è male, l'hanno inculcato sotto la minaccia della dannazione eterna. E intanto appoggiavano e appoggiano poteri crudeli, iniqui. Sono i maggiori azionisti del mondo nell'industria bellica. Insomma, sono rimasti coloro che in nome di Dio e del loro concetto di “giusto” torturano, massacrano, uccidono.


La Chiesa però non è l’unica responsabile di queste manipolazioni scritturali. Anche gli gnostici hanno fatto la loro parte nel momento in cui si sono messi a parteggiare per Lucifero, identificato nel serpente tentatore, come se questi avesse voluto che l’umanità acquisisse quella conoscenza che Dio voleva negarci. Conosci la Gnosi? Hai letto qualche libro di Mauro Biglino?


Autodenuncio la mia ignoranza in merito. Non conosco molto la Gnosi e per niente Mauro Biglino.
Mah! Il simbolo del serpente, come portatore della conoscenza che Dio avrebbe voluto negarci, sinceramente non mi dispiace affatto, però, sì, hai ragione, sia chi è contro, sia chi è a favore da’ energia e quindi alimenta una religione che di Umano e Divino ha molto poco, a mio avviso. Io sono Pagana, infatti.


Se dovessi esprimere un giudizio sulla Bibbia, cosa ti verrebbe in mente?


Uno dei libri più sadici, atroci, repressivi che siano mai stati pensati e scritti. Un dio dittatore, iniquo, vanaglorioso, che condanna, che tortura, che reprime e che premia solo chi gli è ubbidiente e servile...che schifo!
Al potere ha sempre fatto comodo la rappresentazione di un dio così. La gente doveva abituarsi alla genuflessione, all'ubbidienza, all'essere schiava di qualcuno di “superiore”!


Conosci le teorie di Zecharia Sitchin in merito agli Anunnaki, che sarebbero i nostri veri creatori e ti sei fatta un’idea di chi fossero i Nephilim di cui parla la Genesi?


No, non conosco le teorie di Sitchin, né mi sono fatta un'idea sui Nephilim, però sono una persona curiosa e m’informerò sulle teorie di Sitchin. Per quanto riguarda i Nephilim, so che per alcune teorie, legate alla stregoneria, sono coloro che insegnarono la magia agli uomini e che erano figli di umani e demoni. Di più non so.
Io sono una strega istintiva, sento il legame col tutto e che la realtà, così come la raccontano, non è reale. Il resto è pura cultura e teoria. Mi piace, sapere mi rende libera, ma ahimè, non conosco tutto, anzi, molto poco.


Tornando ai tempi moderni, pare che i satanisti compiano sacrifici animali e talvolta anche umani. Tu, in quanto animalista, cosa pensi di
quei ricchi e annoiati individui che si divertono a sgozzare montoni di notte in luoghi appartati?

Di quei ricchi e annoiati individui che sgozzano montoni di notte, in luoghi appartati, penso quello che penso dei cattolici che sgozzano l'agnello a Pasqua o, peggio ancora, pagano chi lo faccia per loro, credendo che questo li pulisca dai peccati.
Penso la stessa cosa anche dei musulmani o degli ebrei, che ammazzano l'animale cosciente per rispettare il volere di Dio e cioè che sono dei bigotti dall'anima cieca, lontani dal Divino anni luce e che così facendo nutrono energie basse, assetate di dolore e sangue.
Si possono compiere riti senza uccidere e ci si può avvicinare al Divino senza macchiarsi di sangue.
Non m’interessa nutrire l'energia del dolore. Io ho scelto di percorrere altre strade per arrivare al cuore della Madre di tutti.
Per quanto riguarda i sacrifici umani, non mi sembrano più immorali di quelli animali.

Delle Bestie di Satana si sta occupando l’avvocato Paolo Franceschetti, il quale afferma che i ragazzi al momento all’ergastolo siano stati incastrati e che i veri responsabili siano persone altolocate che commettono delitti godendo della totale impunità. Ti sembra verosimile una tale ipotesi?

Non so. Penso che tutto sia possibile.

Si parla molto del 2012 e ci sono parecchie aspettative circa un possibile cambiamento sociale. Ci sono gli ottimisti che prefigurano un salto vibrazionale e di coscienza, che dovrebbe migliorare anche le condizioni di vita degli animali, e ci sono i pessimisti che prevedono un’ecatombe di qualche miliardo di persone e un successivo nuovo governo unico mondiale. Tu in quale gruppo  ti collochi, tra gli ottimisti o i pessimisti?

Guarda, visto come va l'umanità e di quanto dolore sia stracolma la Terra, io vorrei l'estinzione di noi umani, io per prima. Sentire a livello sottile è terribile, senti fisicamente la sofferenza e l'urlo di dolore di tutti i viventi e a volte vorresti non esistere.

Sì, questo lo sento anch’io, pur non essendo uno stregone.

Però penso e credo che non succederà proprio nulla. Tutto, ahimè, continuerà come sempre, la (dis)umanità continuerà a vivere nella sua presunzione di superiorità e il dio violento, iniquo, misogino e specista continuerà a regnare indisturbato. L'era della Grande Madre e del Dio cornuto è lontana, l'era in cui il maschile e il femminile saranno Sacri e diventeranno UNO, come noi diverremo UNO con l'intero Creato, è terribilmente lontana.

Un abbraccio e un sincero grazie a Morena, strega animalista.
 

8 commenti:

  1. Ho sposato una strega, e non è uno scherzo :) Ma perchè questa ossessione sugli Anunnaki? In fondo è solo una teoria quella, valida come altre, no? Che ne pensi Rosa?

    Namastè :)

    V.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquillo Vess, non è grave, anche mio marito ha sposato una strega... :))
      No, non si tratta di ossessione, ma un modo come un altro per portare il ragionamento sul fuori...per uscire dalle regole.
      Certo si tratta di una teoria, ma il "Qui prodest" vale anche a livello speculativo. Non sono una "fanatica" dell'intervento alieno, ma non lo escludo, molto si spiegherebbe anche della natura umana e della sua disumanità.
      E' Agosto, fa caldo, perchè non permettere alla nostra mente di avventurarsi in nuove prospettive?
      Un abbraccio Vess :)
      Namastè

      Elimina
  2. Toh!.... anche io ho sposato una strega :)) splendido articolo riporta nella giusta luce le "streghe" cacciate e uccise dalla misericordiosa santa inquisizione solo per imporre il loro credo ed eliminare i custodi dei segreti della terra, riguardo agli annunaki e le teorie di Sitchin ho letto i suoi libri e mi hanno affascinato rivelandomi un altro punto di vista sulla creazione dell'uomo poi ognuno è libero di credere in ciò che vuole, ma a me certe "coincidenze" mi tornano, il fatto stesso di come siamo fatti si dice che siamo una macchina perfetta e allora perche ci rompiamo di continuo, usiamo solo il 10% del nostro cervello, perche mi chiedo io si dice che l'evoluzione tolga quello che non serve e allora perchè ci portiamo dietro questo chilo e mezzo di cervello se ne usiamo solo un etto e mezzo? sembra che ci abbiamo inserito un limitatore di velocità come per le auto.
    Agosto fà caldo, molto caldo a firenze sembra di stare in un forno a vapore e le nuove prospettive mi affascinano.

    un abbraccio cara Rosa e buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahaha...beh, Zak! Si sà che le streghe sanno scegliere bene i loro uomini...infatti sposano solo i migliori :))
      Sugli Anunaki e su qualsiasi pensiero teorico la premessa è che ognuno è libero di giocare con le ipotesi e di cercare la verità negli angoli che preferisce. Quello che mi da fastidio sono i crociati delle verità rivelate, quelli che "la mia ipotesi è verità e la tua fango", perchè di ipotesi si tratta nella maggior parte dei casi. Teorie che ne supportano altre trasformandosi, straordinariamente, in postulati...poi dicono che siamo noi a giocare con la magia nera. La nostra scienza è tutta vera sino a prova contraria e ben più della metà è arbitraria. Abbiamo silenziato la voce di Anima Mundi...e se qualcuno la ascolta e la protegge, in genere, lo bruciamo sui roghi...lo chiamiamo "spostato", lo isoliamo come " eversivo e malato"
      Un abbraccio a te e buona domenica :)
      Namastè

      Elimina
  3. Capisco la diplomazia di Rosa, ma l'esistenza degli Anunnaki, non si basa su teorie, ma su testimonianze archeologiche ben documentate ... oltre ad essere descritta nelle più antiche scritture, e tavolette sumere.
    La causa della cecità umana risiede nella scarsa consapevolezza e incapacità di vedere oltre il proprio naso. Ergo se davvero "desiderate" conoscere la vera realtà in cui esistete, liberatevi dai condizionamenti e uscite dall'angolino che credete essere il mondo. E dopo, solo dopo, se possedete abbastanza, potrete conquisterete il privilegio, di accorgervi che la vera realtà è molto più vasta e reale, ma anche inquietante e sublime insieme…. rispetto al sonno che vi hanno indotto dalla nascita.
    Un abbraccio.
    Marco

    RispondiElimina

La moderazione dei commenti è stata attivata. Tutti i commenti devono essere approvati dall'autore del blog.
Non verranno presi in considerazione gli interventi non attinenti agli argomenti trattati nel post o di auto-promozione.

Grazie.