venerdì 30 novembre 2012

I TUMORI TRA I VEGAN

DI CARLO MARTINI ComeDonChisciotte AGGIORNAMENTO: Oltre ad alcune modifiche minori, è stato aggiunto link alla versione integrale del testo, ed una nota sulla Loma Linda University rispetto all'accusa di "bias"

La pubblicazione che il movimento vegetariano e i suoi detrattori attendevano da decenni è finalmente arrivata: dati concreti, oggettivi e significativi sull'incidenza dei tumori tra i vegan.

L'articolo scientifico (qui la versione integrale) è stato curato da un team di ricercatori della Loma Linda University, e pubblicato su Cancer Epidemiology, Biomarkers & Prevention, rivista dell'American Association for Cancer Research, co-sponsorizzata dall'American Society of Preventive Oncology.


Tra i 69.120 Avventisti che vanno a comporre lo Adventist Health Study 2 (uno dei più grandi studi di popolazione di sempre), dopo aver distinto e comparato onnivori, latto-ovo-vegetariani, "pesco-vegetariani", "semi-vegetariani" e vegan, questi ultimi sono risultati l'unico gruppo tra questi con una ridotta incidenza complessiva di tumori, indipendentemente dal genere sessuale, ma in particolare per i tumori femminili (ginecologici e della mammella), anche dopo la miriade di aggiustamenti statistici prodotti sui dati (etnia, storia familiare di tumori, livello educativo, abitudini di fumo, consumo di alcool, età al menarca, gravidanze, allattamento, uso di contracettivi orali, terapia ormonale sostitutiva e menopausa).

Questi risultati sono di enorme rilevanza per la salute pubblica internazionale se consideriamo che gli Avventisti (indipendentemente dal modello alimentare seguito) sono già di per sè un gruppo sociale a basso rischio di tumori rispetto alla popolazione generale e che la pubblicazione arriva a solo 4 anni dall'inizio dello studio, quando per rilevare a fondo l'incidenza dei tumori sono spesso necessari anche decenni prima di avere campioni significativi.

La protezione per i tumori della dieta vegan va ad aggiungersi a quella per obesità, diabete mellito di tipo 2, iper-tensione, diverticolite e cataratta già emersa negli ultimi anni.

Manco a dirlo, come risulta da una ricerca su Google News, la vergognosa stampa italiana, ivi compresa quella della cosiddetta "divulgazione scientifica", non ha pubblicato una sola riga sulla questione, in modo da non rendere nemmeno necessaria la pronta smentita di Calabrese, Ghiselli e il sedicente Istituto Nazionale per la Ricerca sugli Alimenti e la Nutrizione, nella cui home-page campeggia attualmente un bello spot ai salumi italiani.

Oggigiorno, a questa "civiltà" urbana e alla sua violenza fagocitatrice verso umani, altri animali e gli ecosistemi stessi, ci si può ancora ribellare avendo l'unica forza delle proprie scelte quotidiane: la scienza epidemiologica ci indica una possibile via.

Carlo Martini
www.comedonchisciotte.org
28.11.2012
NOTA (29.11.2012):

E' indubbiamente vero - come fatto notare da alcuni commentatori - che la Loma Linda University è un'istituzione della Chiesa Avventista, ma - come si può leggere nelle pagine della Seventh-day Adventist Dietetic Association - la congregazione NON supporta la dieta vegan, bensì quella latto-ovo-vegetariana.

Facciamo anche notare che i casi di tumore sono stati documentati dai registri oncologici dei singoli stati americani e che lo studio non è frutto della sola Loma Linda, visto che i finanziamenti vengono anche da alcune delle più importanti istituzioni al mondo per la ricerca in ambito biomedico-nutrizionale (National Institutes of Health, U.S. Department of Agriculture e - soprattutto - World Cancer Research Fund) , che considerano questo studio come parte dei loro stessi progetti di ricerca


4 commenti:

  1. Altro importante tassello che si aggiunge alla presa di coscienza anche da parte del mondo medico verso il grave problema della salute pubblica e di intere popolazioni che viene rovinata in modo palese ed evidente per favorire sporchi interessi economici delle solite lobby di potere (industria farmaceutica e alimentare in primis). Dare una diffusione molto vasta a questo ed altri studi puo' servire a far prendere coscienza a le molte persone che ancora credono nella befana e in babbo natale !!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo caro Fernando! Un rapporto Sano con la natura, sanifica anche noi e la struttura stessa della società. Quindi non c'è alcun dubbio che sia necessario diffondere questi importantissimi dati.
      Un abbraccio.
      Namastè

      Elimina
  2. Ciao Carissima Rosa, la cosa che mi fà arrabbiare è denominare il vegetariano un movimento, ma quale movimento essere vegetariano o vegano è una scelta personale di vita si può essere d'accordo o no ma sempre personale rimane e smettiamola con questi termini sballati come veganesimo, non è una religione, un movimento o un gruppo politico se poi vegetariani o vegani si scambiano pareri e opinioni è un altro discorso, comunque bello l'articolo.

    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao amico mio, mah, tu sai che sono sempre stata convinta che la scelta dell'alimentazione fosse una questione personale e, personalmente uso il termine veganismo e non veganesimo...però devo ammettere che una certa qual sensibilità alle questioni inerenti all'alimentazione, al rapporto con gli animali ed il pianeta ha delle caratteristiche di movimento. Questo non deve farlo diventare una forma aggressiva, che sarebbe sbagliato, ma un tentativo di informare correttamente su questi argomenti da parte di chi ha fatto questa scelta io lo ritengo normale e corretto. Di fronte alla disinformazione delle major della carne, dei cibi spazzatura e delle farmaceutiche. Ovviamente concordo che le scelte ultime rimangono "personali". In qualche modo però non deve stupire se "i comportamenti" collegati a questa scelta, divengono oggetto di discussione, perchè essi fanno parte di quello che chiamiamo "cambiamento"
      Un abbraccio Zak :)
      Namastè

      Elimina

La moderazione dei commenti è stata attivata. Tutti i commenti devono essere approvati dall'autore del blog.
Non verranno presi in considerazione gli interventi non attinenti agli argomenti trattati nel post o di auto-promozione.
Grazie.