domenica 14 ottobre 2018

Mala tempora currunt

E sta succedendo qui, dietro casa
Il razzismo stolto e becero produce il suo figlio peggiore: l'apartheid. Lo produce nella scuola, fra i bambini, nel posto peggiore dove possa avvenire. E non è solo la stupidità di un sindaco o di un assessore, ma il banco di prova di un progetto che vorrebbe essere nazionale e che deriva, purtroppo, da un pensiero globale.

Il fatto in sé è semplice: si usa un cavillo burocratico, ovvero una dichiarazione patrimoniale, ma in patria, cioè effettuata nel paese natio, ma questo pare non essere sufficiente. Essa deve avere misteriose ma precise caratteristiche, infatti alcuni che pure si sono sottoposti alle “forche caudine” alla fine non hanno avuto, comunque, il riconoscimento del documento (spesso irrealizzabile) pur avendo speso 1500 euro per il viaggio. L'iniziativa non va a colpire solo gli irregolari, ma anche e soprattutto, i regolari occupati e aventi diritto. 

Un gioco assurdo e crudele, pensato e studiato apposta per creare tutto lo scandalo ed il subbuglio che ha creato. Un'azione voluta e calcolata per dimostrare disprezzo e rimarcare la differenza, per accontentare il ventre di coloro che si nutrono di odio e che hanno fisicamente l'esigenza di un nemico da detestare e perseguitare.

Purtroppo il disegno, come dicevo, è globale ed il ritorno alla coltivazione delle differenze e delle distanze appare realizzarsi su scala mondiale. Diciamocelo, quindi, sino a chè l'odio nutrirà in qualche i nostri bisogni, beh nulla potrà davvero cambiare in meglio. 

Rosa Bruno

6 commenti:

  1. Non so o non vedo, chissà, ma mi pare che le persone non si rendano conto di qul che stiamo vivendo e di come, a grandi balzi, ci stiano avviando verso sistemi poco auspicabili. Perchè è così facile abbassare la testa davanti a un asso pigliatutto che forse fino a ieri avremmo considerato per quel che è e che vale?
    Il fatto che citi, Rosa, è di una gravità estrema perchè instilla nei bambini (condizionandoli nell'età più malleabile) l'idea che un amico di pelle diversa ha qualcosa di non visibile ma brutto, non giusto, tanto da escluderlo nel momento più conviviale della giornata.
    Separare, dividere, dettare per legge quel che riguarda non la giustizia ma le nostre relazioni è terribile.
    Povere quelle menti deboli che ritengono forti persone che sono solo prepotenti.
    Ce l'hanno già detto gli scrittori come siamo fatti e quel che stiamo per subire ma se tutti noi ostacolassimo il progetto, la nostra patria potrebbe contagiare altri popoli. Lasciamelo sognare.
    Namastè

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amica mia, questi signori cercano motivazioni pseudoscientifiche alle loro divagazioni xenofobe, non hanno il coraggio di chiamarle apartheid ed allora trovano motivazioni ragionieristiche. Hai ragione stiamo viaggiando a velocità sostenuta verso la parte più oscura del Tao. Gli esseri umani indulgono nella propria crudeltà e nel proprio egoismo. La soluzione che è stata trovata è quella della colletta, ma sotto certi aspetti è una resa ad un dictat, oggi è stato pagato il riscatto di un ricatto orrendo ed i bambini mangiano tutti insieme, ma il solco fra loro è stato tracciato ed ha coinvolto molti adulti, che hanno sentito il dovere di dire la propria, anche sui media nazionali. Una vergogna, ma il peggio è che molti se ne compiacciono.
      Namastè

      Elimina
  2. La stupidaggine di alcune persone sempre più spesso non ha limiti. E' proprio questo che fa temere il peggio. La mancanza di equilibrio, di un minimo di saggezza, di ragionamento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una osservazione corretta, amico mio, la cosa terribile è proprio questa, tu mi insegni che quando si gioca con gli equilibri prima o dopo si paga pegno. Purtroppo non è solo stupidità, c'è del calcolo, c'è una visione terribile di futuro, temo.

      Elimina
  3. C'è un'aria "strana", molti vogliono cavalcare il malcontento che esiste e non va minimizzato, attraverso però una serpeggiante e pericolosa xenofobia, in certi casi poi sempre più manifesta e dichiarata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Daniele ed è un'aria purtroppo che coinvolge il mondo intero, dispiace constatarlo, ma la capacità di provare compassione sta scomparendo sostituita da cinismo, egoismo e crudeltà. C'è sicuramente chi ne sta approfittando, ma se l'umanità non fosse così propensa all'infezione tutto questo non accadrebbe... invece
      Ciao Rockpoeta, buona serata

      Elimina

La moderazione dei commenti è stata attivata. Tutti i commenti devono essere approvati dall'autore del blog.
Non verranno presi in considerazione gli interventi non attinenti agli argomenti trattati nel post o di auto-promozione.

Grazie.