giovedì 12 luglio 2012

GIANNI LANNES: Una vita spericolata e pericolosa

Appuntamenti telefonici a vuoto “Il telefono della persona chiamata potrebbe essere spento o irraggiungibile”
 

Fonte: ArticoloTre

R.C. 12 luglio 2012 - A dire il vero una telefonata in redazione è arrivata, una voce dallo spiccato accento pugliese “A Lannes ci abbiamo bruciato la macchina, a voi vi bruciamo il giornale. Fatevi i c…i vostri”, un mitomane, mah.

Comunque la preoccupazione cresce e questo silenzio da parte di Gian non aiuta.

Ma chi è Gianni Lannes?

Certamente uno dei massimi giornalisti d’inchiesta italiani, apprezzato dalle grandi testate nazionali, almeno fino a che non ha toccato i fili dell’alta tensione. Ha collaborato con La Stampa, Rai, Espresso, Panorama, Repubblica, addirittura con Famiglia Cristiana, l’importante che gli permettessero di esercitare il diritto alla controinformazione, scrivere quello che gli altri non dicono.

Traffico d’armi, rifiuti tossici, crimine organizzato, politica e colletti bianchi, il pane quotidiano di Gian, tutto rigorosamente circostanziato e condito con nomi e cognomi.

Lannes fonda un suo giornale online, ItaliaTerraNostra, per poter continuare  le sue scrupolose inchieste senza timore di essere limitato o censurato, però nel 2009 accade un fatto sconcertante. Gianni risulta essere sotto contratto con La Stampa di Torino, una posizione anomala, ‘congelato’, cioè percepisce un minimo di stipendio con l’obbligo di non scrivere, va beh, meglio di niente. Però una sua precedente inchiesta sulla mafia dà fastidio.


Lannes si era occupato nel 2008 di una vicenda relativa alla costruzione di una superstrada inutile in Sicilia, con conseguente devastazione di un’area archeologica e indicava quale sponsor dell’operazione l’attuale presidente del Senato, Renato Schifani. Bene, il politico invita ad una festa a Roma il giornalista. Gianni accetta e nel corso dell’incontro nasce una discussione sulle motivazioni dell’inchiesta. Schifani signorilmente invita Lannes a non occuparsene più ed a “Andare in vacanza”.

Ma non basta, un mese e mezzo dopo, Renato Schifani si presenta alla Stampa e la collaborazione tra il quotidiano e Lannes viene troncata, senza motivazione. Anche ItaliaTerraNostra non subisce sorte migliore. Lannes decide di occuparsi della Barilla e dell’amianto dei suoi stabilimenti di Melfi, con il risultato che il 18 novembre 2010, il sito viene oscurato, non dall’autorità giudiziaria, ma dal server che lo ospitava: Aruba.

Riportiamo le parole di Gianni “La Barilla dei noti fratelli delega il professor avvocato Vincenzo Mariconda con studio a Milano per il lavoro sporco. Invece di rimuovere l’amianto fuorilegge (legge 257/1992) che imbottisce lo stabilimento di merendine e biscotti a San Nicola di Melfi in Lucania, tentano illegalmente di far cancellare il sito del giornale online ITALIA TERRA NOSTRA [...] Invece di denunciare alla magistratura per l’eventuale reato di diffamazione a mezzo stampa, tutto da dimostrare o citarci in giudizio in sede civile per un risarcimento danni, chiedono ad Aruba di oscurarci”.

Il precipitare della situazione nelle ultime settimane è cosa nota. Articolotre invita tutti i blogger, tutti i giornalisti liberi, la società civile intera a divulgare la storia di Gianni Lannes, a parlare di lui. Non possiamo lasciarlo solo. Le minacce che ha ricevuto devono rivelarsi un boomerang per i vigliacchi che lo temono.

L’intera stampa libera deve essere un’unica, coesa, cassa di risonanza, la stampa libera deve essere Gianni Lannes.

10 commenti:

  1. Risposte
    1. So che ci sei Egill :)
      Ti abbraccio.
      Namastè

      Elimina
  2. Ciao Rosa, incrociamo le dita e non lasciamolo solo.
    Purtroppo chi cerca onestamente la verità non ha vita facile; comunque ciò conferma che solo "certe" persone possono parlare liberamente di complotti gli altri rischiamo la vita ... un infinito grazie al coraggio di Gianni e di tutti gli altri come lui.
    "Grazie" anche a tutti quelli che, nonostante l'evidenza del "male", non vogliono vedere ...
    Namastè

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti quando qualcuno parla di "complotti" con pertinenza e a ragion veduta ma soprattutto lasciando pochissimo spazio alle supposizioni con lo stile indubbio di Gianni rischia la vita. Sono d'accordo non dobbiamo lasciarlo solo e continuare ad evidenziare "il male"
      ...come, da sempre, fa lui.
      Un abbraccio.
      Namastè

      Elimina
  3. Grazie per mettere in luce la sua storia, che è anche la storia di tutti, ossia di tutti quelli che ancora credono nella forza e nella capacità umana di rendere grazie alla terra nella costante ricerca di un alba più limpida, di un futuro più misericordioso e più cosciente dell'enorme potenziale che ci circonda.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta Voloblu, sì è una storia importante da divulgare, Lannes è un uomo che insegue la verità e moltissime delle sue inchieste hanno acceso la luce su angoli nascosti e tenuti spesso segreti.
      E' estremamente importante che egli possa continuare a farlo...sono d'accordo la sua deve essere la storia di tutti, non dobbiamo lasciarlo solo.
      Un abbraccio e buona serata :)
      Namastè

      Elimina
  4. se penso a certi pseudo giornalisti (fede belpietro salustri ecc ecc )......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giornalisti??????? Forse intendevi dire pennivendoli giornalai?!?
      Un abbraccio Vale :)
      Namastè

      Elimina
  5. L'ho conosciuto grazie a te, con gli articoli sul terremoto, che ho segnalato a molti amici per discutere dell'argomento ... di sicuro non va lasciato solo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ally, sono d'accordo!
      Continuiamo a raccontare la sua vicenda ovunque...che faccia "rumore" e non passi sotto silenzio. Quest'uomo e la sua famiglia rischiano la vita!
      Un abbraccio e buona giornata.
      Namastè

      Elimina

La moderazione dei commenti è stata attivata. Tutti i commenti devono essere approvati dall'autore del blog.
Non verranno presi in considerazione gli interventi non attinenti agli argomenti trattati nel post o di auto-promozione.

Grazie.