martedì 25 settembre 2012

5 scimmie e una banana


Prendete una gabbia che contenga 5 scimmie. All'interno della gabbia appendete una banana ad una corda e metteteci sotto una scala. 
Non ci vorrà molto perchè una scimmia inizi a salire la scala per raggiungere la banana. Non appena tocca la scala, tutte le scimmie vengono innaffiate con acqua fredda. 
Dopo un pò un'altra scimmia ci riprova, ma il risultato è lo stesso. Tutte le scimmie ricevono una doccia fredda. Dopo un pò, nessuna scimmia prova più a salire la scala.

Ora togliamo di mezzo l'acqua fredda. [...]


Togliete una scimmia dalla gabbia, e sostituitela con una nuova. La nuova scimmia vede la banana e cerca di salire la scala. Con sua sorpresa e spavento, tutte le altre scimmie le saltano addosso. Dopo un secondo tentativo e un secondo pestaggio, la scimmia ha capito che se cercherà di salire le scale verrà aggredita.
Dopodiché, togliete un'altra delle scimmie originali e sostituitela con una nuova. Il nuovo arrivato va verso le scale e viene aggredito. Il precedente nuovo arrivato partecipa al pestaggio con entusiasmo. 
Nuovamente, sostituite una terza scimmia originale con una nuova. Poi la quarta, e poi la quinta. Ogni volta che la scimmia appena arrivata si dirige verso le scale viene aggredita. 
La maggior parte delle scimmie che partecipano al pestaggio non sanno perché non le sia permesso salire la scala nè perché stiano partecipando al pestaggio dell'ultimo arrivato.

Dopo aver sostituito tutte le scimmie originali, nessuna delle scimmie presenti ha mai ricevuto una doccia fredda. Nonostante questo, nessuna scimmia si proverà mai più ad avvicinarsi alla scala per prendere la banana.

Perché no? Perché, per quel che ne sanno loro, così si è sempre fatto da queste parti.

È questo il modo in cui le politiche dei governi vengono mantenute.


(Fonte, traduzione e sottotitoli: luogocomune.net)

16 commenti:

  1. Risposte
    1. Ma ciao gigionaz! Ben ritrovato :))
      Namastè

      Elimina
  2. Ciao Rosa!
    È bellissimo questo esperimento. Me lo raccontò un collega un paio di anni fa e l'anno scorso lo misi sul blog (Ma gli umani sono esseri consapevoli?). Rende molto l'idea di come noi umani abbiamo credenze molto radicate senza nemmeno saperne il perché e la provenienza.

    Una storia molto bella che mette in luce questa ed altre problematiche dell'essere umano è Il paese dei ciechi. In rete si trova anche un riassuntone liberamente leggibile e scaribile.

    A presto!
    Namasté :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per le interessanti indicazioni!
      Così si costruisce il consenso, la paura e comunque si radicano le opinioni correnti e diffuse, così si manipola la pubblica opinione...
      Abbraccio :)
      Namastè

      Elimina
  3. Mentre lo guardavo stamani pensavo di mandarti il link... ahahahah!!!
    Bello sentirsi simili a persone belle, aiuta l'auto stima :)
    Namastè

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si molto bello, grazie per la stima Paolo, che aiuta me. Che, per altro, ricambio. L'Empatia ed il suo recupero dal punto di vista relazionale, il suo sviluppo....la coltivazione delle sue caratteristiche ed il suo sviluppo sono fra le priorità del mio percorso di vita.
      Un abbraccione :)
      Namastè

      Elimina
  4. Risposte
    1. Addirittura imbarazzante da quanto è, per l'appunto...feroce e chiarissimo!
      Abbraccio :)
      Namastè

      Elimina
  5. Il video mi ha fatto venire in mente un antico slogan: colpirne uno per educarne cento, fatto poi proprio anche dalle Brigate rosse, e il detto popolare: sparare nel mucchio
    Due frasi che evocano negatività nel relazionarsi e nell'agire.
    Per ristabilire un po' di equilibrio: namastè

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il potere non inventa nulla, non ha fantasia e si riproduce eternamente ripercorrendo le medesime strade. Entrambi questi slogan sono stati ripresi dal pensiero corrente. Il che dimostra fondamentalmente e purtroppo la subalternità alla cultura del potere anche dei moti pseudo-rivoluzionari.
      Unabbraccio :)
      Namastè

      Elimina
  6. Povere scimmie...! Ci dovrebbero essere banane senza scale. La natura ha insegnato così. Cambiarla, inserisce mutazioni comportamentali ed ideologiche dove come unica difesa per gli uomini, coloro che fanno i governi per mantenere le loro posizioni senza alcuna evoluzione, è quella di fare esperimenti inutili e dannosi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordissimo sulla non necessità di eseguire esperimenti su animali, ma nel caso specifico si tratta di un'animazione di un esperimento eseguito a suo tempo e conclamato. Certo si può evitare, ma non è che l'ho fatto io oppure ho spinto a farlo e nè lo giustifico. Ne relaziono solo il risultato che in questo caso mi appare l'aspetto più rilevante.
      Buona serata.
      Namastè

      Elimina
  7. ciao Rosa, di una tristezza drammaticamente esilarante...e purtroppo colpevolmente vero. Buon tutto e complimenti ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuto Luca, sì sotto molti aspetti divertente, ma anche molto preoccupante se consideri che stanno adottando da tempo questi stessi sistemi su di noi...con particolare successo in Italia, bisogna pur dirlo...
      Grazie per l'apprezzamento ;)
      Un abbraccio
      Namastè

      Elimina
  8. L'ultima fotografia del video ,mi ha chiarito le idee e se possibile confermato una mia convinzione.
    Le scimmie non centrano nulla.
    E' che viviamo in un mondo di pecore.
    Appena una esce dal gregge ecco che viene rispedita dentro e bela bela continuamente senza mai essere sentita.
    In un caso e nell'altro è tutto molto triste.
    She

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E come dubitarne...le scimmie sono solo una metafora della triste realtà di questo nostro mondo....
      Namastè

      Elimina

La moderazione dei commenti è stata attivata. Tutti i commenti devono essere approvati dall'autore del blog.
Non verranno presi in considerazione gli interventi non attinenti agli argomenti trattati nel post o di auto-promozione.

Grazie.