mercoledì 22 giugno 2011

Uranio sulla Libia: intervista al prof. Zucchetti


http://www.youtube.com/user/mauriziobongioanni

Intervista di Maurizio Bongioanni a Massimo Zucchetti, docente al Politecnico di Torino

14 commenti:

  1. Namastè Rosa,
    Di solito i mostri li si disintegra prima, giá alla nascita per non farli crescere perché poi pericolosi. Tutte le specie di animali che noi "Uomini" riteniamo pericolosi, cerchiamo di sterilizzarli o di tenerli in gabbia. Ma chi elimina L'uomo che esso stesso pericoloso per esso... Forse...lui stesso?

    A presto, Ross

    RispondiElimina
  2. Peccato che questo allarme lo sentiranno in pochi.
    Meglio tenere la gente all'oscuro, il più possibile.
    Cristiana

    RispondiElimina
  3. Ciao Ross, mah sai, decisamente l'essere umano sembra avere la capacità di provvedere da solo alla propria eliminazione rapida...

    Un abbraccio
    Namastè

    RispondiElimina
  4. Ciao Cristiana e benvenuta :-))
    È vero, quand'anche si riuscisse a fare passare un'intervista simile su di un circuito importante, molti, moltissimi cambierebbero canale ed altrettanti mostrerebbero fastidio...finendo con il non ascoltare.
    Non c'è peggior sordo di chi non vuole sentire...

    Un abbraccio ^_^
    Namastè

    RispondiElimina
  5. Ciao Ernest ^____^

    Namastè

    RispondiElimina
  6. Già non capisco questa guerra in Libia, l'utilizzo dell'uranio impoverito poi è criminale! Ed hanno il coraggio di dire che bombardiamo (si, bombardiamo, perchè siamo anche noi italiani a fare la guerra) solo obiettivi strategici. Peccato poi che ogni tanto qualche bomba un po' meno intelligente colpisca civili inermi ed innocenti e le radiazioni che lasciamo lì poi faranno il loro sporco lavoro nei prossimi decenni.
    Fa bene il prof Zucchetti a dire perchè ci preoccupiamo delle radiazioni della centrale di Fukuschima e non di quelle delle bombe in Libia e negli altri paesi dove l'occidente va in guerra. Il motivo è che nessuno ne parla.
    E perchè lo usano in gran quantità? Perchè è lo scarto dei processi di arricchimento di uranio usato dalle centrali nucleari.

    Riassumendo: si costruiscono centrali nucleari che usano l'uranio arricchito. Quello che resta e che sarebbe un problema smaltire, viene usato per fare bombe che vengono disseminate nei paesi dove portiamo "la pace e la democrazia"... Fantastico! :-(

    RispondiElimina
  7. @ Giulio, la tua sintesi finale è emblematica del capolavoro dell'uomo. Si sa da tempo che le radiazoni deboli e costanti sono altrettanto, se non maggiormente mutagene e pericolose di un'esposizione anche molto alta ma non prolungata. Quindi come dice il prof. Zucchetti, l'aumento dei tumori sarà pressochè certo :-(

    Un abbraccio
    Namastè

    RispondiElimina
  8. Vera contro-informazione questa!

    RispondiElimina
  9. Già... vero Adriano!

    Abbraccio
    Namastè

    RispondiElimina
  10. Ottimo video, sana informazione, da far circolare il più possibile.
    ciao Rosa

    RispondiElimina
  11. Sì, sono d'accordo Cyberaler, facciamo circolare ;-))

    Un abbraccione
    Namastè

    RispondiElimina
  12. Ho utilizzato questo video proprio per il mio nuovo post sulla Libia... C'è un silenzio assordante su questa guerra senza senso.

    RispondiElimina
  13. @ Giulio, vado a leggere il tuo post!
    Namastè

    RispondiElimina

La moderazione dei commenti è stata attivata. Tutti i commenti devono essere approvati dall'autore del blog.
Non verranno presi in considerazione gli interventi non attinenti agli argomenti trattati nel post o di auto-promozione.

Grazie.