venerdì 11 maggio 2012

“Il web italiano ha vinto in Cassazione”


Carlo Ruta (nella foto) è stato assolto con formula piena, perché il fatto non sussiste. L’informazione sul web è salva. La sentenza di Cassazione del 10 maggio 2012 da questo momento istituisce l’alveo in cui dovranno muoversi i legislatori della Repubblica. Il Parlamento, se non vuole cadere anche in questa materia nel discredito generale, non potrà più sottrarsi all’onere di garantire, con una legge chiara, la libertà d’informazione e di espressione in rete.
Oggi è un giorno importante per il web italiano. La sentenza di assoluzione con formula piena allo storico e saggista Carlo Ruta, emanata dalla III Corte di Cassazione, presieduta dal giudice Saverio Felice Mannino, sancisce in modo chiaro e inequivocabile che l’informazione in rete non può essere considerata “clandestina” né un reato (per il solo fatto di esserci, a prescindere da qualsiasi contenuto). Il testo di questa sentenza, che nasce da un procedimento penale unico nel suo genere in tutto l’Occidente, è un patrimonio prezioso per il Paese, ed è importante che ispiri una legge in grado di tutelare con pienezza la libertà di informazione e di ricerca attraverso lo strumento del web.
Il Parlamento, in tutte le sue aree, sa a questo punto qual è il suo compito e in quale alveo dovrebbe scorrere la normativa che sarà emanata sulla comunicazione in rete. La massima corte di giustizia con il suo pronunciamento ha chiuso di fatto un’epoca di equivoci e ha posto fine alle mezze misure. L’informazione sul web da oggi è più libera. È quindi una vittoria di tutti, del Paese, della democrazia.
La dichiarazione di Carlo Ruta: « Questa sentenza di Cassazione è degna della tradizione del nostro Paese, che ha dietro di sé una cultura giuridica di prim’ordine. Mi preme di ringraziare per prima cosa tutti coloro che hanno sostenuto fino all’esito conclusivo questa campagna di libertà. A loro il web deve davvero tanto. Sono passati oltre sette anni, e questa sentenza, determinante per il destino della comunicazione in rete, ripaga i sacrifici fatti e l’impegno di tutti. D’ora in poi possiamo dirci davvero più liberi».
Dopo la lettura della sentenza, avvenuta in tarda serata, l’avvocato Giuseppe Arnone, che ha difeso Carlo Ruta e i diritti dell’informazione sul web con un’arringa complessa e argomentata, ha rilasciato la seguente dichiarazione: «Oggi la Corte di Cassazione, accogliendo le mie argomentazioni, ha scritto una pagina storica in ordine ai valori della libertà di pensiero e d’informazione, anche in relazione ai nuovi strumenti di trasmissione del pensiero. Ancora una volta la massima Corte si è dimostrata ben più avanzata e liberale dei giudici di merito. Giustizia quindi è stata fatta nel modo più alto».

18 commenti:

  1. una gran bella notizia!Speriamo che la sentenza venga da questo momento considerata come punto di riferimento!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovrebbe. Il parlamento non può esimersi dal mantenere come riferimento una sentenza della cassazione, a meno di contravvenire ad ogni norma giuridica e precedente legislativo.
      Ma sai, non escluderei che ci provino, da noi tutto è possibile!
      Un abbraccio.
      Namastè

      Elimina
  2. E' rasserenante scoprire che la Giustizia esiste e che si muove sopra le parti!
    Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, saltuarimente capita, in effetti fa tirare un bel respiro....ma speriamo però che non ci soffochino nel mentre che..........
      Grazie, buona giornata anche a te Massimo!
      Namastè

      Elimina
  3. Vista la notizia stamattina presto già su Twitter, ne ho gioito, penso a ragione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì è un ottima premessa per il futuro, anche se dovremo sempre rimanere ben svegli.
      Un abbraccio.
      Namastè

      Elimina
  4. "Il sapere non è fatto per comprendere, è fatto per prendere posizione."
    Michel Foucault
    Ciaoo, Nyko

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che dire...prendiamo posizione, allora!
      Nel mio caso, per scelta di vita, sono aliena dalla competizione, ma ho posizioni precise e molto nette.
      Un abbraccio Nyko.
      Namastè

      Elimina
  5. Ciao Rosa, mi sa tanto che questa sia la classica vittoria di Pirro .. di informazione ne abbiamo avuta già tanta, troppa perchè si possa ancora giustificare l'apatia del popolo ... da sempre non è una questione di mancanza di informazione (basta saper ascoltare il proprio cuore) è semplicemente una scelta: pillola rossa o pillola blu?
    Ti ho già detto che consideravo la rete solo un mezzo (anche se molto, molto pericoloso) ma ora, alla luce dell'articolo "il più grande esperimento biologico mai compiuto" letto sul sito Disinformazione, sono convinto che sia una vera e propria trappola: ci vogliono trasfomare in uomini-macchina, gli schiavi perfetti e chi non si "adeguerà" sarà l'eretico del futuro. Odio la tecnologia ed il progresso materialista sia di destra sia di sinistra ... cerco disperatamente un progresso spirituale.
    PS. in un momento di crisi sono andato in cerca della pillola blu ... per fortuna mi hanno detto che è esaurita, arriva lunedì ...
    Namastè

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' probabile che lo sia, anche se soddisfacente. Infatti, continuo a invitare rimanere svegli. Perchè questa è, certamente e solamente, una fase, un passaggio.
      Non risolve e non cambia i rapporti di potere e su questo non vi è dubbio. La questione sta sempre nella scelta della pillola? Sicuramente sì, anche se, nel mio caso devo ammettere che da tempo, non devo operare scelte, ho smesso di cercare la pillola blu da quando seguo la mia guida interiore. Non dobbiamo limitarci alla superficie, farci ingannare da quel che appare, ma avere tempo per potere usare, ancora, i mezzi del potere per portare avanti la verità è senza dubbio un fatto positivo.

      Ho letto anche io ieri l'articolo che citi e credo di dover dire che sono tutte cose che sappiamo, il problema non credo sia quello di continuare a lamentarsi, a stigmatizzare, combattere, ma quello di imparare "nonostante tutto" ad essere l'amore che ci ha dato origine, perchè solo così tutta questa costruzione immanente, terrificante e globale di potere perderebbe completamente di senso.
      Sarebbe lungo e forse impossibile esaurire qui questo argomento, ma sono profondamente convinta che "combattere" (in qualsiasi modo) non abbia alcun senso, non è per questo che siamo qui, non dobbiamo raddrizzare proprio nulla, non è nemmeno in nostro potere farlo.
      Noi siamo qui per imparare che "nonostante tutto" e, proprio in questo marasma che ci circonda, l'unica vera risposta è sempre e solo l'amore incondizionato, perchè contro di esso ogni forma di potere cede il passo ed è disarmata.
      Come sempre un affettuoso abbraccio.
      Namastè

      Elimina
  6. bella notizia!!
    buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Amalia, è vero!
      Grazie, buona giornata anche a te.
      Namastè

      Elimina
  7. Ottima notizia per la difesa della libertà :)

    Buon fine settimana...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ottima notizia, un passo avanti... ma solo un passo :)
      Grazie Max, buon fine settimana anche a te!
      Namastè

      Elimina
  8. Piccola pausa, vedrai che torneranno alla carica, mi risuonano le parole di rockfeller, in un intervista disse, internet è utile ma solo se è controllata da noi.
    Vinta una battaglia ma la guerra rimane ma intanto festeggiamo.

    Un abbraccio Rosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono abbastanza d'accordo con te, non possono tollerare un'isola di libertà.
      Ed è vero, è solo una battaglia, e forse nemmeno una vera vittoria, ma tiriamo il fiato per ora.
      Un abbraccio caro Zak, buona serata.
      Namastè

      Elimina
  9. Il fatto che siamo qui a gioire della libertà di scrivere su una tastiera.. la dice lunga sul grado di libertà cui ci hanno abituati..

    Ad ogni modo gioisco con voi..

    Nel caso di Rosario Marcianò invece, la storia non sta avendo un lieto fine ed anzi.. accadono irregolarità oscure.

    Denunce cancellate ( nemmeno archiviate o avviso alla parte lesa dell'archiviazione )

    Denunciati che denunciano la parte lesa..
    un vero pasticcio nella tradizione di questo paese..

    Ubi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ubi, benvenuto!
      Sì, si cerca di esprimere soddisfazione per un buon "precedente". Ma hai ragione, non è la prima "festa" a sproposito che vada in scena di questi tempi.
      Senza alcun dubbio, il fatto di avere ottenuto un parziale successo non risolve i problemi e non ci consegna una giustizia giusta.

      Rispetto a Rosario Marcianò, concordo, è assolutamente scandalosa la situazione in cui si è venuto a trovare e come giustamente dici è il solito pasticciaccio all'italiana. Non esito a dargli tutta la mia solidarietà.

      Un abbraccio, a presto.
      Namastè

      Elimina

La moderazione dei commenti è stata attivata. Tutti i commenti devono essere approvati dall'autore del blog.
Non verranno presi in considerazione gli interventi non attinenti agli argomenti trattati nel post o di auto-promozione.

Grazie.