mercoledì 30 novembre 2011

OBSOLESCENZA PROGRAMMATA

Il motore segreto della nostra società di consumo

 _________________________________________________________________________________ 

visto su Climatrix



OBSOLESCENZA PROGRAMMATA: beni progettati per "scadere".
Elettrodomestici, apparecchi tecnologici, automobili... ma anche vestiti e utensili. Tutto è progettato per durare il meno possibile, perché il mercato deve essere in continuo movimento. Ma i consumatori cominciano a prendere coscienza e cercano strade alternative (come la decrescita felice proposta da Serge Latouche).

9 commenti:

  1. E' vero!
    Viva la decrescita felice!

    RispondiElimina
  2. Già Adriana, è l'unica strada possibile!
    Altrimenti ci schiantiamo...
    ...anzi, a dirla tutta, ci siamo già schiantati :(
    Un abbraccione.
    Namastè

    RispondiElimina
  3. Ma che gran figli di una gran pu*****!
    E così, volendo, potremo avere oggetti eterni o quasi... in fondo si sapeva, ma vederlo così, tutto in una volta, e così approfondito...

    Sono contento di aver trovato il tempo di guardare un simile documentario. Grazie! Se i ministri non fossero ministronzi, e i provveditori sprovveduti, sarebbe già obbligatorio in TUTTE le scuole...

    e, sinceramente, mi dispiace sempre meno che sia schiattato mister mela, peggior simbolo di questa nostra epoca... se penso a quanti hanno piagnucolato, per la scomparsa di questo speculatore, imbonitore, inquinatore... bah...

    RispondiElimina
  4. Hai ragione Nik, "figlio di...." è un epipeto che sovviene ben spesso nello scorrere di questo video!
    Ed è vero, è documentario che dovrebbe essere già da tempo nelle scuole, per diseducare da un consumismo che ogni giorno si fa maggiormente dannoso ed invece siamo ancora qui a farlo passare ed a divulgarlo come carbonari, mentre la società reale si muove in senso opposto.
    E le parole magiche "crescita", "PIL", "rilancio dei consumi" continuano a perpetuare l'inganno.
    Un bacione Zio e buona serata ;)
    Namastè

    RispondiElimina
  5. Ciao Rosa .la parola d'ordine degli'ingegneri progettisti:garantito fin che si rompe !!!!

    RispondiElimina
  6. Agli inizi del 900 Henry Ford faceva fare ricerche dai suoi ingegneri sulla durata dei pezzi delle sue auto, ma la colpa è anche nostra, sai quante cose ho recuperato vicino ai cassonetti dei rifiuti, computer, videoregistratori, lettori dvd, monitor e molti funzionanti, li prendo li rimetto a posto e li regalo.
    Buona notte Rosa.

    RispondiElimina
  7. Infatti Zak, il concetto di obsolescenza riguarda anche il consumatore.Non sempre è applicato direttamente agli oggetti, spessissimo fa affidamento sulla programmazione del consumatore.
    Nella moda, per esempio, riguarda quasi unìcamente il taglio ed il design...così come per molti altri oggetti, che vengono sostituiti ancora prima che scatti la programmazione al blocco.
    II video stesso ci dimostra che in realtà spessissimo tali oggetti possono essere recuperati.
    Siamo talmente programmati all'obsolescenza da esserne i primi responsabili.
    Non a caso siamo sepolti dalla nostra spazzatura...o meglio sepelliamo gli altri per ora.
    Un abbraccione carissimo ;)
    Namastè

    RispondiElimina
  8. Son stata ad una serata lo scorso anno, sulla decrescita felice...alternative interessanti e guide per un ritorno alla semplicità...per un vivere più salutare e coscienzioso...
    grazie per la divulgazione..
    sereno divenire Rosa..
    dandelìon

    RispondiElimina
  9. "Per un vivere più salutare e coscienzioso"...bella definizione, mi piace!
    Credo che la situazione ci imporrà la decrescita...semplicemente perchè non possiamo proseguire così.
    Il rendere "felice" questo "passo" dipenderà da noi e dalla nostra coscienza.
    Certamente un mondo non finalizzato alla crescita ed al PIL, ma a misura d'uomo sarebbe certamente migliore.
    Serena serata cara Dandelìon, un abbraccio ;)
    Namastè

    RispondiElimina

La moderazione dei commenti è stata attivata. Tutti i commenti devono essere approvati dall'autore del blog.
Non verranno presi in considerazione gli interventi non attinenti agli argomenti trattati nel post o di auto-promozione.

Grazie.