venerdì 30 dicembre 2011

L’inconsistenza delle parole


“Possiamo facilmente perdonare un bambino
che abbia paura del buio.
La vera tragedia della vita è quando gli uomini
hanno paura della Luce”.    (Platone)
_______________________________

“Noi siamo fatti della materia di cui sono fatti i sogni
e la nostra piccola vita è circondata da un sonno”.
Amleto, William Shakespeare
 ______________________


In questi ultimi trent’ anni si è svolto un grande lavoro continuo, incessante, di affinamento della mente e di sollevamento della materia. Abbiamo sperimentato la creatività e la distruttività. Chi ne è uscito indenne si è evoluto, altri sono periti. Molti altri, illudendosi di restare fermi, si sono impantanati nelle paludi del dubbio, della paura incontrollata, e sono regrediti. Nulla resta mai fermo, tutto scorre, e ciò che non avanza torna indietro. Soprattutto, i più non hanno compreso quanto le loro menti e le loro intelligenze, pur vivaci e peculiari, fossero disarmoniche e distruttive.  Altri più fragili e scossi, si sono rifugiati nell’alveo accogliente e malfermo della follia. ”Quos perdere vult deus insanit”, “Il dio/dea fa impazzire coloro che vuole perdere”. Un giorno verranno offerte loro  altre occasioni. Altri hanno aperto siti e blogs, dato alle stampe libri, promosso conferenze, allo scopo di condividere saggezza e presenza di spirito, informazioni ed analisi, e di far salire la consapevolezza necessaria al presente da affrontare ed al futuro da costruire. Mi piace pensare con riconoscenza a questi individui coraggiosi, che si sono esposti in prima persona e che tengono accese tante piccole fiaccole per la crescita comune.


Abbiamo compreso l’ambiguità degli spacciatori di parole di compassione e di amore, incapaci tuttavia di provarne una sola briciola vera, sentita, sincera. Bisogna essere ciò di cui si parla o scrive, per essere credibili al di là delle apparenze, altrimenti si è solo dei megafoni che si sgretolano alla luce dell’evidenza e della realtà. E la compassione o c’è o non c’è, o è verso tutto e verso tutti, o non è compassione. Non è un sentimento che funzioni a corrente alternata, o che possa rivolgersi a tutti meno uno. E’ onninclusiva ed onnicomprensiva, non parziale od escludente. Tutto ciò che rende non credibili questi altoparlanti dei buoni sentimenti è apparso nella sua cruda, icastica evidenza. Le loro parole sono andate in frantumi perché nostro compito è anche quello di smascherare il vero dal falso, in una continua opera di discernimento. E sono comunque profondamente convinta che ognuno cerchi, nel suo piccolo, di fare del suo meglio. Abbiamo conosciuto personaggi che elaborano parole in maniera elegante e rarefatta, credendoci e dando loro fiducia, senza  scorgere la doppiezza dei loro intenti e la vacuità del loro sentire, i non-sentimenti del loro non-cuore. D’altra parte, chi non ha un cuore non può costruirselo.


C’è chi ti pesta un piede e chiede scusa, ma  ti calpesta il cuore senza neanche dire “Mi dispiace…”. Assistiamo allo spettacolo dell’ipocrita educazione borghese, funzionale alla menzogna ed anche al vivere civile, ma percepiamo che ciò che manca è una vera Educazione dell’Anima, la sola in grado di consegnarci alla nostra primigenia natura di Esseri Umani di Luce, che ci indirizzi  a non fare del male ad alcuno, ma di operare costantemente il bene con saggezza.  Abbiamo sperimentato l’amore umano e ci siamo spuntati le unghie sul muro d’indifferenza dell’altro. Ma anche chi esercita il suo infantile narcisismo assiso sul suo seggiolone mentale egoico, perso nel suo delirio solipsistico e dedito al suo onanismo mentale, deve ricevere la sua dose di amore puro, sincero, spontaneo e disinteressato. Come viatico sul suo cammino. Un grande ego un giorno sarà una grande spiritualità, e noi nel presente lavoriamo per l’Eternità. Chi non è stato toccato dall’amore pur avendolo sperimentato, può solo sperare che il dolore che la Vita somministra, un giorno sia talmente dirompente e schiacciante da fargli aprire il cuore rimasto chiuso. A chi non sceglie di crescere nell’Amore resta infatti solo la Via del dolore.

Molti hanno cercato e perseguito la Via della meditazione, senza sapere che potrebbero meditare per mille anni, ma se non aprono il cuore ad un sincero sentimento di compassione, resteranno manichini alla tavola della Gioia e dell’Amore, maschere ammantate di spiritualità ma nere dentro, con la parte Ombra sempre attiva e preponderante. E’ passato il tempo della scelta di campo. Oggi chi c’è c’è, chi non c’è avrà altre occasioni al prossimo Kali Yuga. Alcuni continuano a perseverare nel sonno. Ed invece bisogna agire i propri sogni, dare loro corpo, altrimenti saremo solo ombre nei sogni degli altri.  Tanti, troppi, strada facendo hanno perso la leggerezza…


Abbiamo cercato di cambiare sempre pur restando noi stessi.  Non ci siamo fatti mancare nulla. L’Io, l’Es, l’Id, l’Ego, il conscio e l’inconscio dei teorici dell’anima, la cultura e la subcultura, l’approfondimento e la superficialità, le analisi prive di sintesi e di modalità operative, e dunque ridotte a mero esercizio di autocompiacimento. La parola, nata con valenza magico-evocativa, si è trasformata nel tempo nel suo simulacro. Non crea più mondi od esseri viventi, ma serve a perpetuare la menzogna ed a mantenere l’illusione, perché assieme alla coscienza abbiamo perso anche il potere del Suono. Troppe parole hanno ucciso il Suono creativo, ed il parlare degli umani è divenuto una cacofonia dissonante. Abbiamo scritto, letto e pronunciato molti luoghi comuni, frasi fatte ed ovvietà, essendo l’originalità prerogativa di spiriti liberi. Di libertà ce n’è tanta, sono gli uomini e le donne libere che mancano. Mai come ora la libertà causa sacro terrore a chi trova sicurezza nel gregge, poiché essere liberi comporta l’essere re-spon-sa-bi-li. Meglio dunque il calore e la comodità del gregge, o la falsa sicurezza del denaro e dei beni materiali, piuttosto che il rischio della navigazione a vista, i pericoli del mare aperto, il sano esercizio del coraggio e della vita vissuta come meravigliosa avventura. Ignorando che entrambe le strade comportano dei rischi, ed il rischio di chi sceglie la sicurezza è quello di perdere la sua Anima.

 
L’angolo di visuale dell’essere umano medio è quello del ratto, basso ed a breve raggio. Inutile dire ad alcuni di sviluppare l’osservazione dell’Aquila.  Essi sono, per scelta e per volontà,  incapaci di una visione dall’alto. La loro prevalente natura animale, l’uso incontrollato del cervello rettiliano, le pulsioni inconsce e la confusione dei loro spiriti, di cui mai hanno appreso il linguaggio, e dei loro impulsi emotivi, di cui mai  hanno acquisito padronanza, ne fanno i moderni carnefici dell’umanità. Il tutto corroborato e sostenuto da una grande arroganza, da un malcelato senso di superiorità, da insanabile egocentrismo, da istinto dì rapina. A loro si può rivolgere il nostro più genuino sentimento di compassione, poiché sono quelli che più ne hanno bisogno. Pochissimi hanno visto la Terra dallo spazio, molti di noi l’hanno osservata da una quota di diecimila metri. Ebbene, non siete rimasti colpiti dall’aver colto come non esistano confini, barriere, ma che le terre si susseguono alle terre, interrotte solo dai mari-oceani, e che tutte le terre possono e devono essere percorse dall’umanità presente sul Pianeta?
Non sentite come  parole un tempo fondanti la civiltà, quali democrazia, tolleranza, libertà, diritti, usate ed abusate da chi ne ha fatto strumento di sopraffazione, suonino false e vuote, obsolete ed inani? Anziché sputare parole a raffica, dovremmo essere testimoni silenziosi della gioia, dell’amore, della vita.

Per cercare di sollevare il pensiero dalla cortina fumogena dell’inconscio collettivo pesante e stratificato alcuni hanno parlato di Spirito, Anima, Nìrvana, Illuminazione, Sé, Coscienza, Consapevolezza, Desideri, Passioni. Meri artifici letterari, strumenti linguistici, sistemi di coagulazione, richiami per uccelli, campanelli per il risveglio. Servono a metterci in un atteggiamento di ascolto e di attenzione, a farci alzare lo sguardo al cielo in una notte stellata per ascoltare il richiamo degli astri, anziché osservare sempre e soltanto le deiezioni dei cani sui marciapiedi, ad entrare in contatto con la parte più profonda di noi, che ci attende silente ed incontaminata nella sua dimensione parallela e contigua. E comunque  tutto è giusto ciò che accade, ciò che accadrà. Ognuna di queste parole serve soprattutto a farci definitivamente comprendere che l’Alto e il Basso, la Luce e l’Ombra, il Tutto, l’Anima, il Sé, l’Illuminazione, il Nìrvana, i Mondi e l’Universo, perfino i Maestri, non esistono. Nulla esiste.

L’unica vera realtà esistente è l’Amore.
Che solo può farci cadere fra le braccia dell’unico, vero Maestro attuale, il Silenzio.


20 commenti:

  1. Che l'amore sia il motore della vita è cosa nota.
    Ma sono in troppi, purtroppo, a riempirsene soltanto la bocca!
    Fatti, non parole ... diceva una pubblicità!
    Ciao Rosa.
    Un abbraccio fortissimo.
    Buon anno.

    RispondiElimina
  2. Parlavo con Letizia di questa inutile mania di parlare, una vera ossessione, come se le parole dovessero nascondere l'incapacità di sentire, di vedere, di amare.
    Ho un fratello così incartocciato nella sua incapacità di aprirsi che rischia di vanificare tutti li sforzi compiuti nella sua vita.
    L'ho sempre ammirato, e ancora oggi, come l'opposto di me: razionale ed essenziale, una intelligenza più che brillante, capace di parlare per notti intere, o di scrivere una enciclopedia sull'uso dello stuzzicadenti; ma poi, nel quotidiano, ha perso quasi tutto, per la paura inconfessata che ha di aprire il suo sguardo fuori dal suo ego, per la sua incapacità di guardare le stelle.
    Buongiorno Rosa,
    Namastè
    Ieri ci siamo visti (abita a Roma, ci vediamo raramente), aveva lo sguardo infelice,

    RispondiElimina
  3. Bellissimo post!
    Condivisibile, interessante ed eloquente.
    Baci.

    RispondiElimina
  4. Comportamenti Gianni...il tempo delle dichiarazioni è dietro alle spalle, esse non bastano più è il tempo dell'esempio ed esso deve essere naturale, spontaneo e sincero.
    Le chiacchiere vanno a zero ed il silenzio acquisisce la sua naturale importanza.
    Lo spirito parla nelle sue azioni e lascia traccia di sè con la sua empatia. Supera le parole e le travalica, perchè non si esprime solamente attraverso di loro e non le usa come scudo.
    Ti abbraccio anch'io. Buon anno Gianni!
    Namastè

    RispondiElimina
  5. Ciao Paolo!
    Le parole possono fare molto, ma non significano nulla se non portano qualche cosa che nasce solamente dal silenzio.
    Esse di per sè non comunicano niente che non sia l'anima a voler manifestare, sono un pretesto.
    Quel che viaggia attraverso di loro non fa rumore e non dipende affatto da loro.
    La mente può essere bravissima nell'intricare percorsi e nell'inventare termini, ma non comunica e non descrive nulla che l'anima non voglia, quando lo fa suona falsa, vuota, sterile ed inutile...può dire parole bellissime e citare intere enciclopedie, ma questo rimarranno! Parole senza senso e dotte citazioni incomprensibili.
    Buongiorno a te Paolo, ti abbraccio.
    Namastè

    RispondiElimina
  6. Ciao Ivan, decisamente sì!
    Un abbraccio.
    Namastè

    RispondiElimina
  7. Ciao Arianna, sì sono d'accordo!
    Un abbraccio.
    Namastè

    RispondiElimina
  8. Ciao Squilibrato, grazie!
    Buon anno annche a te ;))
    Namastè

    RispondiElimina
  9. Il mio primo commento in questo bel Blog è un consiglio: "Il 31 sera non fate l'elenco dei buoni propositi per il nuovo anno, il mattino dopo li avrete già dimenticati. Datevi giorno per giorno un obiettivo, anche piccolo, e raggiungetelo".
    In bocca al lupo a tutti.
    :))

    RispondiElimina
  10. @Not_Only
    Innanzi tutto benvenuto :)
    Trovo che sia un ottimo consiglio...che si muove nello spirito del post.
    Azioni e comportamenti che sostituiscano la vuotezza, delle parole.
    Grazie e sereno cambio di calendario!
    Namastè

    RispondiElimina
  11. "Assistiamo allo spettacolo dell’ipocrita educazione borghese, funzionale alla menzogna ed anche al vivere civile, ma percepiamo che ciò che manca è una vera Educazione dell’Anima, la sola in grado di consegnarci alla nostra primigenia natura di Esseri Umani di Luce, che ci indirizzi a non fare del male ad alcuno, ma di operare costantemente il bene con saggezza."

    Operare per il bene...
    se penso in bene...
    farò il bene...
    spesso, il cattivo pensiero, partorisce cattive azioni...
    spesso chi pensa il male, lo vede anche in chi non ne ha...questo è il peggiore dei mali...la barriera più difficile da superare...
    Sia un 2012 intriso di tutto il buono che la tua Anima saprà accogliere..
    un abbraccio Rosa Cara...grazie..
    dandelìon

    RispondiElimina
  12. Speriamo in un vero cambiamento globale.
    Ti auguro un sereno e felice 2012.

    RispondiElimina
  13. Dandelìon....l'intenzione...la volontà. Ed è, anche in questo, una questione di premesse.
    Il passaggio che citi è uno dei migliori di questo bell'articolo.
    E' importante l'educazione dell'anima l'abitudine all'ascolto dei suoi bisogni ed alla normalizzazione dell'empatia, che le dà nutrimento.
    L'educazione alle buone intenzioni, alla pulizia interiore.
    Il male.... siamo noi a delimitarlo e a crearne i contorni.
    Ricambio il tuo augurio molto bello, buon 2012!
    Ti abbraccio dolce amica, grazie!
    Namastè

    RispondiElimina
  14. Sì Cavaliere, un vero risveglio planetario è urgente e necessario!
    Felice 2012 a te!
    Namastè

    RispondiElimina
  15. Veramente bello, le parole, forse sono proprio uno dei nostri difetti . . .

    RispondiElimina
  16. E' vero Dioniso, siamo così presi dall'ossessione di parlare, di dire... che spesso dimentichiamo di ascoltatare, di sentire, di comunicare davvero.
    Buon 2012 caro amico e un abbraccio!
    Namastè

    RispondiElimina
  17. Anche a te Rosa, buona serata e chiusura di quest'orribile anno. Buon 2012, speriamo, perché qui il nazismo ha preso piede.
    Sulla comunicazione sono in accordo, trascuriamo il linguaggio nascosto, quello che alla fine trasmette di più, il corpo, l'antica empatia dimenticata. Il film "Lo Sfidante" è il migliore che abbia mai visto a riguardo di questa tema.
    Un abbraccio cara, stammi bene.

    RispondiElimina
  18. Dioniso, di sicuro, sotto tantissimi aspetti, non sarà per nulla migliore del precedente, anzi...ma basterebbe che un numero significativo di persone si svegliassero dal coma, in cui sono da anni sprofondati, per considerarlo un anno strepitoso....non perdiamo le speranze, amico mio!

    Sì "Lo Sfidante" è di grande insegnamento, hai ragione, il migliore... non a caso, sin da quando ho aperto il blog, ne ospito un banner attivo ;))
    Un abbraccione caro Dioniso.
    Namastè

    RispondiElimina

La moderazione dei commenti è stata attivata. Tutti i commenti devono essere approvati dall'autore del blog.
Non verranno presi in considerazione gli interventi non attinenti agli argomenti trattati nel post o di auto-promozione.

Grazie.