giovedì 29 dicembre 2011

Osho

Se potrete amare e ridere completamente, con tutto il cuore,
 
la vostra vita si trasformerà in beatitudine e benedizione,
 
non solo lei ma ogni cosa intorno.
 
(Osho)

8 commenti:

  1. Negli anni 70 - 80 quando le parole di Osho erano perle e riuscivano con semplicità ad illuminare il mondo, a squarciare il velo dell'inconsapevolezza, ad aiutare chiunque volesse capirci di più ed esere felice, il grosso del mondo dormiva beato e si orientava al piacere edonistico del consumismo.
    Chi ne ha letto un libro o anche un capitolo o anche una sola pagina non può non venire "trasformato" all'istante nella propria interiorità.
    Oggi le sue parole sono ancora perle splendenti di saggezza e di amore.
    Ma un mondo di ciechi e di sordi si è impadronito del pianeta e pochi sono disposti ad ascoltarlo. Io spero di sbagliarmi ma .....
    Un abbraccio, Rosa!

    RispondiElimina
  2. Se fosse vero...sarei in paradiso...

    Cara Rosa, ti auguro un sereno e prospero 2012.

    Baci

    RispondiElimina
  3. E' vero Gianni, chiunque abbia letto un suo libro non può non esserne stato trasformato!
    Ho ascoltato Bhagwan Shree Rajneesh in quegli anni e l'ho poi incontrato di nuovo nei suoi libri, senza mai vestirmi d'arancione, ma sempre ascoltando quel che diceva e dice...
    Non è complesso, basta predisporsi all'ascolto per capire, non è affatto difficile...ma quanti sanno ascoltare?
    La meditazione la conoscevo già per antica pratica. E' il modo in cui la pone Osho che gli dà tutto quel particolare fascino che ha nella sua descrizione.
    Abbraccio ricambiato!
    Namastè

    RispondiElimina
  4. Ma certo che lo è Gianna! Amiamo incondizionatamente e facciamo scaturire le risate dal profondo del cuore...e saremo tutti in paradiso!
    Un felicissimo e ridanciano 2012 anche a te :)
    Un bacione!
    Namastè

    RispondiElimina
  5. Parole Sante! Il fatto è che si può anche amare completamente, ma ridere completamente..non so. Se ami completamente starai inevitabilmente male, e non riderai, quando l'anima che ami soffrirà, perchè soffrirà. Allora il processo di trasformazione della tua vita si fà duro e aspro, perchè più ami più ti preoccupi di chi ami. Un abbraccio Rosa e felice 2012.

    RispondiElimina
  6. Perché poi dipende molto dalla dimensione nella quale riusciamo/vogliamo vivere. Se riusciamo a esistere nella dimensione dell'amore, beatitudine e benedizione sono proprio lì.
    Il difficile è "abitare" quella dimensione con costanza, a volte le circostanze ingeriscono talmente tanto nella mia anima che precipito nello scoramento e nella rabbia. E mi ci vuole un po' per uscire dal pantano.
    E ogni tanto scorgo un po' di luce.
    Cara e buona Sara, per te l'augurio di un un 2012 luminoso!
    E arrivò l'asteroide :))))))
    Baci e abbracci

    RispondiElimina
  7. @Galadriel
    L'amore non deve essere confuso con l'attaccamento ed il possesso, entrambi, questi ultimi, portatori di passione e quindi di dolore.
    L'amore incondizionato non è nè l'uno nè l'altro e dunque lontanissimo dalla passione...Esso è coscienza dell'unità e di conseguenza è gioia, perchè l'Uno lo è. L'amore incondizionato non è mai separazione, ma coscienza dell'impossibilità di esserlo, non è dualità e quindi privo di dubbi e di domande, senza alcuna aspettativa e quindi senza alcuna delusione...cosa dovrebbe fare d'altro che ridere?
    Un abbraccio cara Galadriel felice 2012 anche a te!
    Namastè

    RispondiElimina
  8. Ma certo Paolo, ancora una volta dipende da noi, da quanto riusciamo a permanere in questa dimensione d'amore, senza che dualità, possesso ed attaccamento ci portino verso false convinzioni e diversi obbiettivi. Senza che emotività, passione e mente ci riportino a Kali Yuga. Nessuno pensa che sia semplice, noi pensiamo e supponiamo troppo perchè lo sia.
    Siamo prigionieri, così spesso, delle nostre passioni e fatichiamo moltissimo a staccarcene.
    L'importante è camminare verso la luce e se lo sforzo è eccessivo vuole dire che qualche cosa non va...Quello che vuole dirci Osho è che la sola disciplina non basta occorre il candore, la semplicità che ride...l'ingenuità di chi non sa e non suppone.
    Un abbraccio amico mio, auguro anche a te un 2012 inondato di luce...anche senza asteroide, magari! :))))
    Namastè

    RispondiElimina

La moderazione dei commenti è stata attivata. Tutti i commenti devono essere approvati dall'autore del blog.
Non verranno presi in considerazione gli interventi non attinenti agli argomenti trattati nel post o di auto-promozione.
Grazie.