mercoledì 7 dicembre 2011

Monti, atroce autopsia dell’Italia: ma il killer è l’euro

_________________________________________________________________________

Mario Monti Tratto da LIBRE
Senza più moneta sovrana, l’Italia è condannata: non può più onorare qualsiasi deficit semplicemente «facendosi staccare un assegno dalla propria banca centrale», per usare un’espressione di Wynne Godley, che Paolo Barnard cita per chiarire la situazione. Siamo nel tunnel del suicidio economico a orologeria: Monti spreme gli italiani per avvicinarsi al pareggio di bilancio e vincerà il primo round. Ma poi perderà il match: una volta dissanguati, gli italiani si consegneranno al baratro della recessione. «E che farà a quel punto Mario? Ve lo metto per iscritto: farà quello che hanno sempre fatto tutti i robotizzati umanoidi della scuola economica Neoclassica e Neoliberista, cioè prescriverà ancor più dosi del veleno che ci starà ammazzando. Come fa Obama in Usa, come fa il Fmi in Estonia e in Irlanda, in Grecia, in Africa».


Il problema? Sempre lo stesso: l’euro. Governato da una banca centrale, la Bce, che per statuto non può essere “prestatore di ultima istanza” e quindi usare il denaro per politiche espansive a sostegno dell’economia sociale. L’Italia di oggi? E’ uno Stato «membro dell’Eurozona, che usa una moneta straniera che si chiama Euro, che le viene fornita interamente da prestatori privati, senza alcun appoggio della Banca d’Italia». Ridotta così, per sopravvivere, questa Italia è costretta davvero a pareggiare i bilanci, come minimo. «Ma non solo», aggiunge Barnard: «Deve arrivare al surplus di bilancio». Cioè: «Lo Stato dovrà tassarci molto di più di quello che ci dà come ricchezza finanziaria», e questo significa che «dovremo tutti diventare più poveri, e soffrirne le orrende conseguenze sociali».

Mario Draghi
Non si scappa, insiste Barnard nel suo blog: Monti e Draghi «in questo hanno ragione», e la loro ricetta «non fa una grinza: tecnicamente parlando, è un obbligo ineludibile». Anzi, è persino «troppo tenera». Perché in economia esiste una regola aurea che stabilisce che un Paese con moneta non sovrana, per poter onorare gli interessi sui suoi titoli di Stato emessi (Bot, Btp) deve pagare un tasso d’interesse sui quei titoli non di molto superiore al tasso della sua crescita economica. «Esempio: se quel Paese cresce al 2%, non può pagare tassi al 5, al 6, al 7,5 %». Altrimenti, «prima o poi fallisce». E l’Italia? Lo sappiamo: sta crescendo quasi zero, e paga tassi d’interesse dal 6 al 7%. «Semplificando, è come se uno guadagnasse 1 soldo ma dovesse pagare un affitto di 6 soldi. Come fa?».
L’Italia dell’euro, continua Barnard, deve dunque trovare la differenza (soldi) in qualche modo, se no fallisce. E dove li può trovare? Monti lo sa bene: deve incassare tasse al netto, tagliare la spesa pubblica o generare un forte aumento dell’export. In altre parole: lo Stato deve prenderci con le tasse più di quanto ci dà in termini di servizi, e inoltre attrezzarsi per aumentare le esportazioni. Non disponendo più di una moneta sovrana da poter svalutare, l’unico modo per rendere “competitivo” il made in Italy è il taglio del costo del lavoro. Tradotto: salari sempre più miseri. E poi, naturalmente, c’è l’austerity: impoverimento generale, in modo che gli italiani «desiderino meno prodotti esteri (Iphone, Audi, Chanel, Sony, benzina)», sperando così che l’Italia riesca ad esportare più di quanto importa. Come convincerci? «Siamo troppo viziati, l’unica è impoverirci, punto. Monti lo sa, è un esperto, e questo fa».

Paolo Barnard Riassumendo: l’Italia dell’euro deve davvero trovare i soldi per pagare i tassi sul suo debito. Tanti soldi, perché la differenza fra la sua crescita economica (vicina allo zero) e i tassi che paga (7-8%) è enorme: «Quel denaro lo possiamo solo trovare tassandoci, tagliando la spesa pubblica e impoverendo ancor di più gli stessi italiani, così da ridurre le importazioni e pagare di meno gli operai», con la speranza di poter esportare più di quanto importiamo, e incassare la differenza. «Non se ne esce», insiste Barnard. Anzi, la pura matematica rivela che Monti è stato per ora sin troppo leggero: «Lui sa benissimo che dovrà essere molto più pesante nei sacrifici che ci imporrà in futuro». Tutto questo, grazie all’euro: che il centrosinistra impose all’Italia, senza che i sindacati – oggi sulle barricate contro Monti – battessero ciglio.
Ma il peggio deve ancora arrivare, continua Barnard: lo stesso Monti sa benissimo che, incassata a nostre spese la prima rata di ossigeno, il “rigore” non produrrà certo la “crescita” auspicata, ma soltanto depressione, recessione e nuova povertà. Meno denaro, meno redditi, meno consumi. Quindi, alla fine, meno gettito fiscale: e saremo daccapo. Che farà, a quel punto, il professor Monti? Barnard non ha dubbi: farà esattamente quello che la sua scuola economica gli suggerisce, ovvero: ancora più rigore, «fino a che saremo morti». Dal fallimento non si salverà neppure lui, è vero, ma prima «si sarà fatto un passaggio da Nomura o alla JP Morgan per incassare una pensione multimilionaria con 3 o 4 anni di contributi (non 300 come chiede a te), tanto quanto sarà stato necessario per annientare l’Italia».

8 commenti:

  1. Si può discutere sui numeri e i tempi, ma la sostanza non cambia. Il nuovo governo dai media è dipinto come camminatore sulle acquee, e le masse ne acclamano l'annuciazione.

    RispondiElimina
  2. concordo con l'analisi di Barnard, mi fa ridere Monti quando dice che sta facendo questa manovra per non finire come la Grecia quando sono proprio
    manovre come questa che hanno ridotto la Grecia in queste condizioni ed è quello che sta facendo con l'Italia pari pari..ci sta portando proprio nelle condizioni della Grecia
    ciao a presto

    RispondiElimina
  3. Ciao, piacere di conoscerti :)

    RispondiElimina
  4. Poteva essere una occasione storica: un governo interamente tecnico, appoggiato di malagamba dai partiti, avrebbe potuto rivoluzionare il prelievo fiscale e riformare in senso veramente equo l'apparato pensionistico e del lavoro in generale, abbattere le spese militari che valgono una finanziaria e molto altro ancora.
    Ma questo governo è guidato da uno dei maggiori responsabili del tracollo finanziario (ed economico) del nostro e altrui paese, una mentalità ultra borghese e antica, anzi vetusta.
    In più mi sembra dotato di scarsissimo coraggio, animato da una fantasia paragonabile a quella del paramecio.
    Che si fa? Sono uno di quelli che guarda con un minimo di speranza al suo agire, certo che si comincia male.
    Ci rimane la solita tipologia di lotta politica: lo sciopero; il quale, come sempre, sarà minimo, risicato, diviso, conflittuale all'interno delle organizzazioni sindacali, e pagato ovviamente dagli stessi.
    Non avrà alcun successo politico, ancora lacrime, ancora sacrifici (è da quando andavo al liceo che usiamo questa parola, sono circa 35 anni).
    Ti ho attaccato un gran bottone, mi ci voleva :)
    Un abbraccione
    Namastè

    RispondiElimina
  5. Essì caro Mark, peccato che invece di camminarre sulle acque stia camminando su di noi.
    Ma di questo l'italota si accorgerà troppo tardi, come suo solito, ed i suoi peana al governo Monti allora gli rimarranno in gola...
    ...troppo tardi per qualsasi reazione!
    Un abbraccio carissimo ;)
    Namastè

    RispondiElimina
  6. Ciao Ivano, infatti l'inganno grave è proprio questo! Un default controllato sarebbe lacrime e sangue ma con la prospettiva di risalire (come ha fatto l'Argetina, smarcandosi dall'FMI e dal Dollaro) così invece ci trascineremo sino alla prossima crisi...è inconcepibile trattare uno stato come un'azienda...impensabile il pareggio di bilancio he costringerebbe alla dismissione totale del Welfare.
    Il problema vero però è che questo inganno è perpetrato da personaggi che vanno ancora in giro travestiti da progressisti.
    Un abbraccio, caro amico ;)
    Namastè

    RispondiElimina
  7. Benvenuto Max, il piacere è mio ad averti qui tra noi!
    Un abbraccio, a presto ;)
    Namastè

    RispondiElimina
  8. Caro Paolo, non ho mai creduto in questa occasione, lo sai bene, ma mi rendo conto che qualcuno potesse sperare.
    L'occasione ci sarebbe stata se avessimo operato scelte diverse, accettando di ridiscutere alcune "premesse" di sistema, se poi questa ridiscussione avesse investito l'Unione, coivolgendola, sarebbe stato persino meglio, ma il coraggio difetta e l'asservimento ai mercati ed ai loro padroni è totale, non solo nei politici, ma anche nel popolo...che s'arrabbatta in atteggiamenti bovini, dìmenticando d'essere sovrano.
    L'abbraccione è ricambiato tutto, amico mio ;))
    Namastè

    RispondiElimina

La moderazione dei commenti è stata attivata. Tutti i commenti devono essere approvati dall'autore del blog.
Non verranno presi in considerazione gli interventi non attinenti agli argomenti trattati nel post o di auto-promozione.

Grazie.