domenica 1 maggio 2011

I BERSAGLI ITALIANI DI GHEDDAFI

fonte: www.ciardullidomenico.it
di Domenico Ciardulli

Come un leone rabbioso a cui hanno ammazzato il cucciolo più piccolo, Gheddafi sta lanciando i suoi avvertimenti all'Italia: presto potrebbe portare la guerra libica nelle città della nostra penisola. I potenziali bersagli potrebbero essere le grandi metropoli come, ad esempio, Roma, oggi invasa da circa un milione di pellegrini venuti per la beatificazione papale. 
Le risposte dei nostri politici, ovviamente, tendono a sminuire la portata delle minacce. Ma il messaggio di Gheddafi è arrivato dappertutto. Se ne parla nelle case e nei bar. Le reazioni attraversano tutte le variegate sfumature partendo dalla reale preoccupazione che qualcosa di brutto possa accadere fino ad arrivare all'indifferenza e al sarcasmo o allo sberleffo verso un dittatore che non vuole mollare il potere.
Certo, l'Italia ha una caratteristica storica: pur essendo il paese europeo più esposto e più vulnerabile a potenziali atti di terrorismo internazionale, ha sempre goduto di una relativa tranquillità. Forse per essere stata nella storia la culla dei diritto romano, per essere un crocevia di culture, una comoda e affascinante terra, spesso di passaggio, per tanti migranti africani, arabi, asiatici, europei.
Ma le parole di Gheddafi vanno prese sul serio perchè quell'uomo sembra propenso da sempre ad individuare e colpire i bersagli più deboli.
Non ha avuto scrupoli ad incassare i finanziamenti italiani del Trattato di amicizia. In cambio di quei soldi l'Italia ha ottenuto che un gran numero imprecisato di profughi, rifugiati o semplici migranti africani che fuggivano da fame e miseria, venissero ricacciati e morissero nel deserto oppure nelle prigioni libiche fuori da ogni controllo degli organismi umanitari internazionali.
Quello stesso cinismo oggi Gheddafi lo rivolge contro l'ex alleato. E sembrerebbe cosa assurda che il dittatore libico chieda di trattare a paesi come Francia e Inghilterra che sono stati i primi a bombardarlo mentre minacci l'Italia, il paese che sin dall'inizio ha adottato una linea molto meno bellicosa dando una lettura minimale della risoluzione dell'Onu.
Ma cosa dobbiamo aspettarci da sicari di Gheddafi qualora riuscissero ad arrivare armati dentro le nostre città? Forse non proprio un attacco contro obiettivi sensibili che implica una percentuale di fallimento. Infatti la tipologia di tiranno sembra essere quella che spara più contro "la croce rossa" che contro la regia del comando militare avversario. Quindi potrebbero essere a maggiore rischio potenziali bersagli completamente scoperti e vulnerabili come esercizi commerciali di grandi dimensioni, mezzi di trasporto, piazze secondarie.
Tutto questo potrebbe essere solo un'ipotesi fantasiosa se il Parlamento italiano non stesse realmente andando verso una scelta irresponsabile di escalation militare delle forze impegnate in Libia. Una "real politik" bipartisan che sembra benedetta da "pacifisti" come cicciobello, mister "rimbocchiamoci le maniche". il leader centrista timorato di Dio e gli altri. I capi di governo oggi siedono in Vaticano per omaggiare un Papa diventato Santo, un Papa che avrebbe certamente disapprovato la loro politica estera fatta di cacciabombardieri invece che di mediatori.
Ma come finirà questa avventura in Libia? Le bombe italiane buttate addosso al tiranno risolveranno i nostri problemi energetici? Oppure finiranno per innescare una spirale di paura tale da preferire la catastrofica profezia sismica dell' 11 maggio?

Domenico Ciardulli

5 commenti:

  1. Non si sa più che cosa pensare!

    RispondiElimina
  2. Caro Adriano, cosa pensare? Un comportamento contradditorio prima e scellerato poi, con la decisione di prendere parte ai bombardamenti espone il nostro paese in maniera drammatica...davvero ottimi statisti i nostri....

    Un abbraccio
    Namastè

    RispondiElimina
  3. hai detto giusto Rosa, un comportamento scellerato che ci mette a grave rischio di attentati.
    Ma le marce per la pace non usano piu'?

    RispondiElimina
  4. Cara Amalia, bella domanda!
    I pacifisti sono divisi, addirittura molti di coloro che si definivano tali hanno reclamato a gran voce questo intervento umanitario(?) sembrano essere parecchio confusi sul significato del termine "guerra"...
    ...anche io mi chiedo dove sono finiti i pacifisti, ma soprattutto chi sono?

    Un abbraccione e buon inizio settimana!
    Namastè

    RispondiElimina
  5. Ciao, siamo la redazione di Uniroma.tv. Forse può interessarti il nostro servizio sulla tavola rotonda organizzata da ELSA e la facoltà di Giurisprudenza di Roma3 il cui dibattito si è incentrato sulla crisi del Nord Africa in prospettiva giuridica e geopolitica
    il video al seguente link
    http://www.uniroma.tv/?id=18686

    RispondiElimina

La moderazione dei commenti è stata attivata. Tutti i commenti devono essere approvati dall'autore del blog.
Non verranno presi in considerazione gli interventi non attinenti agli argomenti trattati nel post o di auto-promozione.

Grazie.