mercoledì 21 luglio 2010

Non-identificazione---Osho

Lascia che questa diventi la chiave – la prossima volta che appare la rabbia, osservala. Non dire: “Sono arrabbiato”. Dici: “C’è la rabbia e io la osservo”. E guarda la differenza! La differenza è enorme. All’improvviso non sei più nella morsa della rabbia. Se puoi dire: “Sono solo un testimone, non sono la rabbia”, sei fuori dalla sua morsa. Quando arriva la tristezza, siediti da una parte e guardala e poi dici: “Sono l’osservatore, non sono la tristezza”, e guarda la differenza. Subito le radici della tristezza verranno tagliate. Non viene più nutrita e così morirà di fame. Noi nutriamo queste emozioni quando ci identifichiamo con esse. Se si vuole ridurre la religiosità a un'unica parola, questa è non-identificazione.

2 commenti:

  1. "Rubato" anche questo. ;)

    Grazie,
    Eremita

    RispondiElimina
  2. Perfetto Eremita!

    Un abbraccione ed un profondo Namastè

    RispondiElimina

La moderazione dei commenti è stata attivata. Tutti i commenti devono essere approvati dall'autore del blog.
Non verranno presi in considerazione gli interventi non attinenti agli argomenti trattati nel post o di auto-promozione.

Grazie.