domenica 10 aprile 2011

“BUONA PASQUA A CHI NON MANGERA’ NEONATI”.



L’Ente Nazionale Protezione Animali, dopo anni di silenzio, affronta il delicato e controverso tema “agnelli” lanciando la nuovissima e provocatoria campagna 


Ideata e realizzata gratuitamente dall’agenzia Itaca Comunicazione, trova le sue radici nell’inconsapevolezza di ciò che si ha nel piatto.
La maggior parte delle persone, ormai, acquista carne direttamente al supermercato, dove la sterile e asettica confezione non lascia trasparire nulla su ciò che era prima quel pezzetto di carne.

Obiettivo è stimolare la relazione emotiva con il pensiero di un neonato, strappato alla mamma prima ancora di poter correre libero nei prati e provare l’emozione di brucare un po’ d’erba.


 Non è semplice affrontare questo tema senza cadere nel fanatismo, ma con questa campagna ENPA lancia un invito alla riflessione con la speranza che quest’anno, sulle tavole degli italiani, il menù possa essere diverso dal classico “neonato al forno”.

Link campagna ENPA:

12 commenti:

  1. Tra le tante crudeltà, questa la trovo letteralmente schifosa. Non ho mai mangiato e mai mangerò carne d'agnello. Figurati di quelli appena nati!
    Questo dà l'esatta misura della follia collettiva del genere umano.
    ciao Rosa.

    RispondiElimina
  2. Gianni, non ho mai compreso questa follia neppure quando ero cannibale O_o...figurati ora!!!

    Buona domenica caro amico ;-)
    Namastè

    RispondiElimina
  3. Sono un "cannibale", ma questa tradizione dell'agnello non la comprendo, come tante altre stupide tradizioni. A Pasqua mangiatevi una lasagna.

    RispondiElimina
  4. E' un argomento che tocca il cuore.
    Mai mangerò agnellini.
    Ciao Rosa, grazie e buona domenica!
    Lara

    RispondiElimina
  5. Ciao Paòlo, ovviamente il post non vuole essere una accusa nei confronti dei "cannibali" ;-D
    ma un invito alla riflessione.
    In fondo esiste una grande varietà ed abbondanza di cibo no?

    Buona domenica e un abbraccio
    Namastè

    RispondiElimina
  6. Cara Lara, sì tocca il cuore e risveglia le sensibilità...
    e ogni tanto ci vuole no? ;-))

    Una buonissima domenica anche a te e un abbraccio forte
    Namastè

    RispondiElimina
  7. Sono d'accordo con Paolo, meglio una lasagna

    RispondiElimina
  8. Ciao Soffio! Ovviamente sono d'accordo anche io!

    Però credo che opterò per lasagne vegetariane, magari con ragù di seitan...oppure con crema di broccoli o di asparagi :-DDD

    Un abbraccione caro ^_^
    Namastè

    RispondiElimina
  9. Secondo me il problema non è l'agnellino pasquale, ma tutte le altre vittime della nostra tavola. Non ricadiamo nelle solite IPOCRISIE programmate...diciamo le cose come stanno davvero.
    Ci vorrebbe una bella guerra per farci riscoprire il vero sapore della tavola italiana, che non è mai stato basato sul consumo di carni, che anticamente erano un alimento raro e molto meno accessibile a chiunque.
    L'anima della cucina italiana è la cucina povera e sana alla contadina.
    Il sapore delle salsicce, della mortadella e dei suoi amichetti carnosi sarà anche buono, non lo metto in dubbio, ma francamente a molti individui fa più male che bene...dato che gli animali di allevamento o di batteria di oggi sono dei sottoprodotti dell'industria, sono molto poco genuini.
    Un animale schiavizzato e triste perchè conduce una vita di m***a in un allevamento intensivo di m***a, avrà così tante tossine nei suoi tessuti che...che ve lo dico a fare.
    Senza considerare che anche gli animali hanno un'anima, andrebbero trattati con più rispetto.

    Scusate lo sclero ma odio l'ipocrisia, e l'Italia è un paese di ipocriti, ogni tanto è giusto ricordarcelo, se vogliamo cambiare davvero.

    ciao A TUTTI

    RispondiElimina
  10. Ciao Cyberaler, hai ragione, il problema non risiede nell'agnellino, non solo anche se il neonato in questione sviluppa moltissima tenerezza, il problema è il rapporto con tutti gli anima-li, il cui nome stesso li definisce come portatori di anima e quindi parte dell'Uno. Nonostante questo e pur essendo io felicemente vegetariana con tendenze vegane, non voglio contrapporre il moralismo all'ipocrisia e penso che ognuno debba seguire il proprio Karma.
    E' profondamente vero che in qualsiasi prodotto di origine animale c'è la medesima violenza e sofferenza che nell'agnello pasquale, un tempo la carne era un episodio nella vita degli uomini oggi un'abitudine giornaliera, assolutamente non sana, fra l'altro dovrebbe bastare il principio di attenzione per limitarne il consumo, invece, purtroppo questo non succede...

    P.s. nessun problema per lo sclero :-)...lo capisco, anche io non sopporto l'ipocrisia e ogni tanto è, non solo giusto, ma doveroso ricordarcelo...

    Un abbraccio forte
    Namastè

    RispondiElimina
  11. Brava rosa, mi piace un sacco come la pensi
    rinnovo i miei saluti

    RispondiElimina
  12. Grazie Cyberaler ^________^

    Namastè

    RispondiElimina

La moderazione dei commenti è stata attivata. Tutti i commenti devono essere approvati dall'autore del blog.
Non verranno presi in considerazione gli interventi non attinenti agli argomenti trattati nel post o di auto-promozione.

Grazie.