mercoledì 13 aprile 2011

Presto fuorilegge il minestrone della nonna: potrebbe fare bene

fonte: Eurosalus
di Attilio Speciani

L'intenzione dichiarata della normativa è quella di proteggere il pubblico dagli eccessi nel consumo di minerali e vitamine, prodotti che stanno incontrando un favore sempre più ampio nel pubblico.
Purtroppo, il suo effetto potrebbe essere quello di mettere fuori legge circa il 75% degli integratori attualmente venduti in Europa. Si tratta comunque di una legge il cui impianto è stato già accettato dalla maggior parte degli stati europei e che ora si muove attraverso norme applicative e decreti attuativi che ne modificano in una direzione o nell'altra gli effetti.
L'importanza di minerali e vitamine nella prevenzione e nella terapia di patologie infettive, degenerative e metaboliche è ampiamente dimostrata e potenzialmente fondamentale per la salute umana.
È vero che ci sono degli eccessi di uso di queste sostanze, ma sono veramente poca cosa rispetto agli eccessi di uso dei farmaci classici che possono portare ad effetti dannosi tragici.
Al di là delle “buone” intenzioni del legislatore, la normativa costituisce allora un forte attentato alla libertà terapeutica piuttosto che una forma di protezione del pubblico. E non a caso, a breve è previsto che venga stabilita una limitazione anche per i preparati fitoterapici a base di erbe.
Va da sé che dietro prese di posizione di questo tipo si può leggere facilmente una logica commerciale: il mercato di integratori e piante officinali sta intaccando i profitti delle case farmaceutiche.

Se la protezione del pubblico fosse la vera priorità, forse la limitazione d'uso sarebbe applicata piuttosto a prodotti come le merendine o i dolcificanti presenti nelle bibite, il cui eccesso è pericoloso e costoso per la società.
Forse verrebbe data maggiore attenzione ai danni pesanti di farmaci diffusissimi (vedi il caso del Vioxx e quello delle statine). E non, come è successo di recente in Italia, all'uso di rimedi omeopatici per i minori di 18 anni.
Pardossalmente, oggi in Italia è possibile usare in piena libertà un prodotto da banco potenzialmente pericoloso mentre lo stesso prodotto con dosaggio doppio può essere venduto solo con ricetta medica!
Ciò che si vuole impedire veramente, e non è un caso, è la prevenzione, cioè l'area nella quale gli integratori hanno la maggiore diffusione.
Affermare che è pericoloso (e vietato) usare i costituenti della natura se non sono definiti in peso, misura e soprattutto se non sono prodotti secondo le norme stabilite dalle case farmaceutiche per i farmaci, equivale a precludere alle persone normali l'uso delle risorse naturali per prevenire e curare.
D'altra parte, le merendine contribuiscono a causare malattie che poi le case farmaceutiche aiutano a curare con lauti profitti.
Minerali e vitamine possono invece aiutare a guarire, riducendo questi vantaggi commerciali. Ci sentiamo sicuramente di ribadire quanto affermato da Peter Byrne nell'articolo “The fate of vitamins”.
Non stupiamoci allora se dopo le erbe officinali, per le stesse motivazioni, verranno limitate e sottoposte a normativa anche le vendite di frutta e verdura.
Considerati gli effetti positivi di aglio, pomodoro e molte verdure, come non aspettarci che un giorno venga messo fuorilegge anche il “minestrone della nonna” per i suoi documentati effetti salutari e protettivi?
A quando dunque la vendita consentita del solo “minestrone in busta sigillata di produzione garantita”, probabilmente messo in commercio da una delle consociate di un particolare gruppo chimico-alimentare-farmaceutico? 

13 commenti:

  1. Mi immagino quanto sarà appetitoso un minestrone Bayer o Pfizer! Ah no, mi sbaglio, commercialmente sarebbe meglio che lo distribuisse la Carlo Erba... :-)

    RispondiElimina
  2. Non ho parole...se non vergogna!

    RispondiElimina
  3. Ciao Ruhevoll!
    Non oso pansarci, una vera delizia con un vago sentore di aspirina ed un retrogusto di plastica :-(

    Ti abbraccio
    Namastè

    RispondiElimina
  4. Ciao Stella, abbiamo passato il segno da quel mo', vero?

    Un abbraccione ;-)
    Namastè

    RispondiElimina
  5. Ormai andiamo sempre più a rotoli, stiamo perdendo tutto. Riusciremo a riprenderci la nostra vita e le cose buone e salvarle da questi pazzi? Sempre peggio.

    RispondiElimina
  6. Ciao Paòlo, sì, io credo di sì!
    Se, finalmente ci svegliassimo e smettessimo di lasciarli agire indisturbati, nella più totale indefferenza, credo che potremmo ancora riprendercela la nostra vita ;-|

    Un abbraccio
    Namastè

    RispondiElimina
  7. Articolo fuorviante, a cominciare dal titolo

    RispondiElimina
  8. @ Anonimo: il titolo è palesemente ironico!!!

    Namastè

    RispondiElimina
  9. Scusa se mi permetto Anonimo, argomenta la tua critica, altrimenti debbo pensare che il tuo sia un commento fuorviante.

    Scusa Namastè se mi sono permesso di rispondere, ma quando ci vuole ci vuole.

    RispondiElimina
  10. Nessun problema Paòlo :-)

    In questo spazio vige la libertà di manifestare la propria opinione ;-))

    Namastè

    RispondiElimina
  11. Mi fa un po'strano pensare agli eccessi da uso di vitamine...credo che ci siano ben altre urgenze. A iniziare da quella radiottativa...

    RispondiElimina
  12. All'anonima Anonimo del 13 aprile 2011 15:22h

    Articolo fuorviante, a cominciare dal titolo

    Che tu sia un debunker? uno di quelli che in rete cercano di mettere falsità per distogliere l'attenzione? - mai sentito Codex alimentarius la nuova superlegge per massacrarci meglio?

    Aria, sciò vai a pisciare da qualche altra parte.

    RispondiElimina
  13. Altrochè Sara!
    Qui siamo seppelliti da una valanga di urgenze...una più grave e tragica dell'altra!!!

    Abbraccio :-)
    Namastè

    RispondiElimina

La moderazione dei commenti è stata attivata. Tutti i commenti devono essere approvati dall'autore del blog.
Non verranno presi in considerazione gli interventi non attinenti agli argomenti trattati nel post o di auto-promozione.

Grazie.